QUALE FUTURO PER IL TRAM?

Padova-Translohr-insideSi profila per il ‪tram‬ cittadino la possibilità di un prolungamento. Il progetto prevederebbe di allungare il percorso dell’attuale linea Guizza-Pontevigodarzere: partirebbe dalla stazione percorrendo Viale della Pace e arriverebbe dietro alla Fiera. Il sindaco ‪‎Bitonci‬, che si è sempre detto contrario ad implementare le linee della tramvia, potrebbe cedere in previsione di un ulteriore prolungamento fino a San Lazzaro, zona in cui dovrebbe sorgere il nuovo ‪‎ospedale‬. La trattativa con la Camera di Commercio, che si è detta disponibile a finanziare l’opera con un importante investimento, è sul tavolo. Vedremo gli sviluppi.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista ‪Bitonci Sindaco‬

Annunci

MIGRANTI: LA CITTÀ È COLMA

988530_750198035093162_8606433810166226536_nLa questione migranti è davvero spinosa. Per il prossimo venerdì 15 è prevista una fiaccolata organizzata dai cittadini che non sono disposti ad accogliere ad oltranza questa ondata di persone. Uno su dieci risulta essere profugo. Gli altri sono clandestini. La curia si è resa disponibile ad accoglierli ma certo è che i numeri sono preoccupanti: nelle prossime ore ne sono in arrivo altri 46, cosicché il numero sale a 540. Il problema di fondo è che non siamo nelle condizioni di aiutarli. Mancano alloggi e fondi. Risultano ad ora oltre mille le firme raccolte in città contro l’ospitalità in case private reclutate dalle cooperative sociali, quando in città ad avere bisogno di sostegno sono le giovani coppie, i disoccupati e i pensionati. Questa guerra fra poveri sta inasprendo gli animi e non è certo facile trovare la soluzione. Può apparire retorica, ma ciò che si investe qui per accoglierli, andrebbe invece allocato nei loro Paesi d’origine affinché si affranchino dalla povertà. La città è satura e serve fare i conti con un tessuto sociale che sta facendo i salti mortali per sopravvivere. I pochi che riceveranno lo status di profughi saranno accolti, gli altri riceveranno il “foglio di via”, un mero ed inutile invito ad andarsene. Ovvio è che rimarranno qui e che vivranno di stenti o di furti. Il governo centrale deve porre fine a questa tratta che vede ricchezza per pochi e sfruttamento per migliaia di persone che cercano un paradiso che qui non troveranno.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

STOP BOTELLÒN

10665699_749534251826207_7160518434485759692_nAncora una buona notizia da parte dell’amministrazione. Pare proprio che quest’anno il tanto discusso ‪Botellòn‬ non si farà. Ieri la notizia su Facebook (in poche ore cinquemila adesioni) che invitava i giovani a parteciparvi il prossimo 27 maggio sempre in Prato della Valle. La Vice Sindaco Eleonora Mosco però non ha perso tempo ed ha prontamente dichiarato che non si intende consegnare la città alla bevuta collettiva più degradata e diseducativa che per anni ha portato problemi di salute e ordine pubblico. La coerenza di questa amministrazione si evince dunque anche da questa decisione, in linea con la volontà di far rispettare regole di ‪‎buonsenso‬ per tutti, ordine e decoro. Inoltre, in tempi di poca disponibilità economica, risulterebbe assurdo che i soldi dei cittadini venissero spesi per la pulizia del Prato, per assicurare i controlli della polizia locale, per le emergenze sanitarie. Si vuole rispetto per ‪‎Padova‬, per chi lavora e paga le tasse e non si vuole che la piazza più bella d’Europa si trasformi in una discarica e in un bivacco per giovani che si ubriacano per il semplice gusto dello sballo collettivo. Con il nuovo regolamento per i bar e la patente a punti si è combattuto molto per ridare alla città regole precise e ‪decoro‬ urbano; una manifestazione del genere andrebbe contro ogni principio di buona amministrazione.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista ‪Bitonci Sindaco‬

PRIMO MAGGIO: FESTA DEL LAVORO O DELLA DISOCCUPAZIONE?

11193239_748169605296005_8586902661395916233_nA marzo (ultimi dati disponibili) il tasso di ‪‎disoccupazione‬, secondo le stime provvisorie dell’Istat, è salito al 13% dal 12,7% di febbraio. Un trend che stride fortemente con i proclami propagandisti del governo ‪‎Renzi‬ il quale, dopo aver varato il ‪Jobs Act‬, ha elaborato una strategia comunicativa fatta di rassicurazioni e slanci di ottimismo sul tema occupazione. Gli annunci, le slide, i tweet non funzionano più e i numeri non lasciano spazio alle illusioni. In aumento anche il tasso di disoccupazione giovanile, che sempre nel mese di marzo è salito al 43,1% rispetto al 42,8% di febbraio, rimanendo fra i livelli più elevati d’Europa. Mentre il parlamento è bloccato per l’Italicum e Renzi è impegnato a litigare con la minoranza interna al suo partito i ‪‎giovani‬ italiani restano a casa senza ‪lavoro‬. La festa di oggi non sia solo l’occasione per fare la solita retorica sull’importanza del lavoro e sui diritti dei lavoratori, ma una opportunità per riflettere sulle azioni indispensabili per rilanciare l’economia. Incentivi alle imprese che investono nel nostro Paese, drastica riduzione delle tasse, ‪Flat Tax‬, snellimento della burocrazia, liberalizzazioni. Questi alcuni punti chiave per ripartire, per fare del primo maggio un giorno di speranza e non il funerale del lavoro.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista ‪‎Bitonci Sindaco‬

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑