EMERGENZA IMMIGRAZIONE: MENO BUONISMO, PIÙ SOLUZIONI DI BUONSENSO!

In arrivo un’altra ondata di profughi in Veneto. Davvero una situazione penosa e drammatica. I centri di accoglienza sono colmi e si fa strada l’ipotesi di sistemarli nelle palestre delle scuole. Temporaneamente. Orbene, conosciamo i tempi della burocrazia italiana legati alle procedure di riconoscimento, quindi sorge spontanea una domanda: alla volta di settembre, quando le scuole riapriranno i battenti, le palestre saranno ancora occupate? O saranno già state sistemate e bonificate? Questa scelta appare decisamente inappropriata e poco lungimirante, soprattutto considerando la situazione già delicata di numerosi edifici scolastici. Non migliore l’idea di alloggiarli in caserme dismesse. Il sistema di accoglienza attuato dal Governo non funziona. Al momento è tutto congestionato visto il numero crescente di persone che viene destinato alla nostra regione e alla scarsità di luoghi adatti ad accoglierle. Oramai siamo incapaci di trovare soluzioni utili a ricevere ancora migranti e la ricerca di aree demaniali sulle quali installare prefabbricati prosegue a rilento. Il timore è che quanto accaduto ad Eraclea (turisti che se ne sono andati a causa della presenza dei profughi, con conseguente ira del Sindaco), possa ripetersi anche in altre realtà. Ed ecco che i Primi Cittadini del litorale hanno scritto una lettera a Renzi per indurlo a cambiare rotta e oggi si sono riuniti per fare il punto della situazione. La tenuta sociale è a rischio. Non si può obbligare la gente ad essere eroicamente buona. La politica deve essere in grado di garantire la vivibilità e la sicurezza nelle città, specie nelle periferie più disagiate e nei comuni dove sono già stati concentrati i nuovi arrivi. Occorrono azioni incisive a livello europeo, il contrasto determinato ai trafficanti di morte, anche attraverso interventi militari mirati in Libia, un piano sostenibile di accoglienza e solidarietà in tutta Europa (non solo in Italia) e nei Paesi d’origine. La proposta del Presidente del Consiglio di riconoscere incentivi ai comuni che accolgono migranti è folle e sbagliata. Non solo dal punto di vista dei conti pubblici, ma soprattutto da un punto di vista sociale: il buonismo produce razzismo. Il Presidente Zaia ha recentemente dichiarato: “In Veneto sono presenti 514mila immigrati, il 10,5% della popolazione. Di questi 42mila sono senza lavoro. Cosa proponiamo ad un profugo che arriva oggi? Disoccupazione e mancanza di case?”. Un ragionamento realistico. Serve prenderne atto.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: