NON ABBANDONARE IL TUO MIGLIORE AMICO, LUI NON LO FAREBBE.

13872625_10208111203396207_1437971522_n.jpg

Buongiorno a tutti! Vi presento Peggy, una dolcissima bassotta a pelo lungo che da anni fa parte della mia famiglia, e vi invito a leggere con attenzione e condividere questo post.

Ogni anno, a fine estate, il bollettino degli animali abbandonati conferma la drammaticità di un fenomeno che non accenna a diminuire. Si stima infatti che il 25-30% dei casi di abbandono si verifichi proprio nel periodo estivo (oltre 60mila). E se per noi la parola vacanze ha un suono meraviglioso, per loro, spesso, è una vera condanna. Tante sono le vittime innocenti della crudeltà dei padroni, cani e gatti soprattutto, anche se il fenomeno non riguarda solo loro ma pure uccellini, pesci, tartarughe, criceti e pappagalli. Quegli amici che, insomma, popolano le nostre case tutto l’anno, ma che d’estate diventato un problema o una seccatura. Così finiscono per strada, da soli, senza saper dove andare. La maggior parte (80% circa) rischia di morire sotto una macchina o ancor peggio di stenti, di caldo, di dolore per l’abbandono da parte di coloro che avrebbero dovuto amarli e proteggerli. Chi si libera di un animale commette un reato ai sensi dell’art. 727 del Codice Penale e può essere punito con l’arresto fino ad un anno o con un’ammenda fino a 10.000 euro. Per questo, chiunque assista ad un caso di abbandono non deve voltarsi dall’altra parte ma denunciare i colpevoli alle autorità competenti: Carabinieri (112), Polizia di Stato (113), Corpo Forestale dello Stato (1515), Polizie Locali (049-8205100 per quanto riguarda il Comune di Padova). Comunichiamo, inoltre, il numero 334-1051030 per segnalare, tramite sms, i casi di abbandono in autostrada, specificando località, ora di avvistamento, direzione di marcia e, se possibile, la razza o il colore del cane. Più di 1000 volontari sono pronti ad intervenire in tutta Italia fino al 4 settembre. Ricordiamo altresì che oltre a essere un reato, l’abbandono porta anche a un dispendio di denaro pubblico che ricade sull’intera collettività: considerando che per ogni cane ospitato in canile i comuni pagano circa 1.000 euro all’anno, e nei canili italiani ci sono circa 200.000 quattro zampe, la cifra totale è davvero esorbitante. Gli animali non sono giocattoli, sono esseri viventi con necessità e bisogni, che vanno accolti e rispettati in modo consapevole e responsabile. Sono fedeli compagni di vita che abbiamo scelto volontariamente di far entrare nelle nostre famiglie. Le vacanze estive non possono essere una scusa per disfarsene. È una questione di civiltà. In Italia e all’estero esistono numerose strutture in grado di ospitarli per brevi periodi o località turistiche che offrono servizi ad hoc per portarli con sé. Non solo, ci sono sempre più giovani che offrono servizi di Dog Sitting. L’abbandono è un atto infame e disumano che va condannato con forza, senza se e senza ma. ‪#‎Noinonliabbandoniamo‬ e voi?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: