SÌ AL DASPO URBANO

Il Movimento del Buonsenso è assolutamente favorevole all’applicazione del daspo urbano. Giusto aiutare chi è in difficoltà ma comportamenti molesti o illeciti non possono in alcun modo essere tollerati. I padovani si riapproprino degli spazi pubblici non solo in centro ma anche nei quartieri. NO a parcheggiatori o venditori abusivi, ad accattoni insistenti e soprattutto a spacciatori! SÌ alla legalità, sempre!

Annunci

UNA MEDAGLIA AL MERITO PER LA CAPOTRENO!

I soliti radical chic che non salgono su un treno regionale neanche per sbaglio continuano a gridare al “razzismo” e ad invocare il licenziamento della capotreno che martedì scorso sulla linea Milano-Cremona ha chiesto a molestatori e “zingari” di scendere perché avevano “rotto i coglioni”. Un annuncio “colorito”, per qualcuno volgare, ma che aveva come unico scopo quello di garantire la tranquillità e la sicurezza dei passeggeri. Un sfogo senza dubbio poco professionale che al massimo merita un richiamo, certamente non il licenziamento! Per quanto ci riguarda, anzi, la dipendente di Trenord dovrebbe essere premiata per aver alzato la testa di fronte ai soprusi crescenti di rom e accattoni molesti che viaggiano senza pagare il biglietto, aggrediscono i controllori e infastidiscono e derubano i pendolari. Forse prima di aprire la “caccia alla strega” e sparare a zero su una lavoratrice esasperata, i soliti comunisti col Rolex dovrebbero chiedersi perché sia arrivata al limite. Anziché blaterare impropriamente di razzismo, si interroghino sulla mancanza di sicurezza a bordo dei treni italiani. Basta strumentalizzazioni ideologiche!

🆘 DEGRADO INACCETTABILE! 🆘

Dal centro alle periferie un’escalation di degrado inaccettabile! Per il sindaco (che ricordiamo ha la delega alla sicurezza) “la situazione è sotto controllo”; per i consiglieri comunali di maggioranza “era uguale o peggiore con Bitonci”. Ebbene, noi vorremmo invitarli a fare una passeggiata nei parchi pubblici cittadini, come i Giardini dell’Arena, dove ci sono più spacciatori e ladri di biciclette che bambini oppure a farsi un giretto per le vie e le piazze del centro, come appunto via Zabarella, dove i residenti e i commercianti esasperati potranno confermargli la degenerazione degli ultimi mesi. I cittadini chiedono “più controlli”, un richiesta che forse può sembrare banale ma che è l’unica soluzione possibile. Servono delle “sentinelle di sicurezza”, degli agenti armati, che pattuglino a piedi le zone a rischio, soprattutto nelle ore serali e notturne, coadiuvati da un sistema di videosorveglianza integrato e con la possibilità, al bisogno, di chiedere rinforzi immediati. E poi blitz continui, a sorpresa, in borghese. Basta lassismo e buonismo! Occorre far rispettare le regole e rimettere finalmente un po’ di ordine a Padova! #giordanisveglia

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑