LA NOSTRA REPLICA SULLA SITUAZIONE DELL’ANSA BORGOMAGNO

Non abbiamo mai negato che all’interno della cosiddetta “Area Funghi” di via Bernina 18 siano presenti anche attività sane come le due palestre specializzate in arti marziali e arrampicata. A loro va il nostro incoraggiamento e il nostro plauso per la professionalità e l’impegno con cui attirano ogni giorno nel rione persone perbene, soprattutto giovani, che vogliono praticare sport. Tuttavia, dipingere l’Ansa Borgomagno come un paradiso del fitness, negando o sminuendo la presenza di attività, soprattutto serali e notturne, che rappresentano ormai da tempo punti di ritrovo per spacciatori e pregiudicati, significa negare spudoratamente la realtà o quanto meno ignorarla. Una realtà preoccupante, per non dire drammatica, che vivono ogni giorno sulla loro pelle i residenti e che evidentemente sfugge a coloro che si recano lì una o due ore al pomeriggio per praticare dei corsi e poi tornano a dormire a casa propria. Spaccio, risse, atti vandalici, disturbo della quiete pubblica, attività clandestine, occupazioni abusive, abbandono di rifiuti, sono solo alcuni dei problemi che interessano lo spicchio di territorio compreso tra Corso Tre Venezie e via Annibale da Bassano. Bene la costruzione del muro e della nuova bretella stradale (a spese della collettività) che senza dubbio attenuerà il via vai di pusher e ubriachi molesti nelle strette vie del rione ma che di certo non fermerà il degrado e la microcriminalità dilaganti né tanto meno la musica a tutto volume, gli schiamazzi e le litanie provenienti dai capannoni dell’Area Funghi. La nostra video-denuncia, basata sugli innumerevoli episodi di cronaca e sulle prove documentali fornite dai residenti, è INCONTESTABILE ed ha come unico obiettivo sensibilizzare l’opinione pubblica e spronare le Istituzioni a tutti i livelli affinché intervengano con un piano di riqualificazione complessivo e in tempi certi di cui gioverebbero tutti i portatori di interesse della zona. Basta nascondere la polvere sotto il tappeto! Basta con le proposte-spot che puntualmente cadono nel vuoto! Non sono più ammessi ritardi, omissioni o sottovalutazioni. L’Amministrazione Comunale inserisca tra le proprie priorità l’Ansa Borgomagno prima che si trasformi in una seconda via Anelli. Vigileremo!

 

INVITO ALLA CONFERENZA “INSICUREZZA: REALTÀ O PERCEZIONE?”

Residenti e commercianti dell’Arcella, San Bellino, San Carlo e Pontevigodarzere vi aspettiamo numerosi giovedì 10 ottobre 2019 alle ore 20:45 presso la Sala Consiliare di via Curzola, 15 per una serata di approfondimento e confronto sui temi cruciali per il futuro del Quartiere 2, in primis la sicurezza. All’incontro, gratuito e aperto al pubblico, interverranno: Roberto Marcato (Assessore Regionale alla Sviluppo Economico), Luigi Tarzia (Presidente Commissione Sicurezza e Qualità della Vita – Comune di Padova), Ubaldo Lonardi (Vice Presidente Consiglio Comunale Padova), Andrea Rossi (Comitato “Il Miglio D’Oro all’Arcella”), Lucia Romagnoli (Comitato “Ansa Borgomagno”), Antonio Huaroto (Comitato “Vivere Bene a San Bellino”). A moderare il dibatto: Alberto Casagrande (Presidente Movimento del Buonsenso). Non mancate!

NO, NON VA BENE COSÌ!

Per Giordani la nuova viabilità di Corso Milano “va bene così”, per residenti, commercianti e pendolari invece NO, in primis per le lunghe code che si formano sia per chi transita in via Orsini, sia per chi arriva da Chiesanuova, ma non solo. All’inizio dell’estate confidavamo che questo progetto “sperimentale” fosse rivisto, ascoltando i portatori d’interesse della zona. Oggi, invece, purtroppo constatiamo che si tratta dell’ennesima scelta ideologica calata dall’alto e su cui non si intende fare marcia indietro. Una scelta che continuerà a vederci fermamente contrari.

GRAZIE!

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato alla conferenza di ieri sera e ai cinque Relatori con cui abbiamo approfondito i temi caldi del Centro storico: sicurezza, viabilità e commercio. Prossimo appuntamento giovedì 10 ottobre all’Arcella… presto tutti i dettagli!

TORNA L’INCUBO SPACCATE A PADOVA

Danni, incassi rubati, impotenza e rabbia. Torna l’incubo spaccate a Padova. Come intervenire? Ne parleremo questa sera alle 20:45 in sala “Caduti di Nassiriya” (piazza Capitaniato, 20) nel corso della conferenza “Sicurezza, viabilità, commercio: problematiche e prospettive del Centro storico”. Interverranno: ELEONORA MOSCO (Consigliere Comunale, già Vice Sindaco e Assessore al Commercio), MASSIMILIANO PELLIZZARI (Presidente ACC), BRUNA GALLO (Presidente Associazione Gattamelata), MASSIMO PUPA (per il Comitato dei residenti di piazza De Gasperi) e MAURIZIO FRANCESCON (Direttore Confesercenti Padova). Vi aspettiamo!

INVITO ALLA CONFERENZA “SICUREZZA, VIABILITÀ, COMMERCIO: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE DEL CENTRO STORICO”

Sempre più cittadini chiedono di essere coinvolti, di poter partecipare ad iniziative in cui denunciare cosa non va nel proprio quartiere e confrontarsi sui temi di attualità. Per queste ragioni abbiamo deciso di organizzare un ciclo di conferenze che prenderà il via MARTEDÌ 17 SETTEMBRE 2019 ALLE ORE 20:45 PRESSO LA SALA “CADUTI DI NASSIRIYA” IN PIAZZA CAPITANIATO, 20. Nel corso dell’incontro, gratuito ed aperto al pubblico, saranno affrontate le questioni calde che riguardano il quartiere 1 (Centro): dalle proposte di riqualificazione dell’ex caserma Prandina alla nuova viabilità di Corso Milano, dalle difficoltà di accesso al centro (parcheggi, ztl) al futuro della mobilità cittadina (tram o bus elettrici?), fino alle problematiche inerenti alla sicurezza con il caso studio della vigilanza privata in piazza De Gasperi. Vi aspettiamo numerosi!

TOLLERANZA = LEGITTIMAZIONE: SGOMBERO SUBITO!

Dopo la recente occupazione dell’ex supermercato Famila di via Fornace Morandi, prosegue “l’offensiva estiva” del C.P.O. Gramigna che questa mattina si è appropriato di uno stabile in via Vicenza. Ennesimo sopruso ai danni degli onesti cittadini padovani. Le Istituzioni, Comune in primis, reagiscano con fermezza poiché la tolleranza rischia di trasformarsi in legittimazione. Spesso sentiamo Giordani usare, anzi, abusare della parola “buonsenso” ma il Buonsenso, caro sindaco, può essere solo lo sgombero immediato di questi delinquenti!

DEGRADO IN VIA BASSETTE

Oggi una concittadina ci ha segnalato e documentato con queste foto la vergognosa situazione di via Bassette dove, nei pressi dell’ex campo rom, vengono ripetutamente abbandonati rifiuti di ogni sorta. Coincidenza? Non è possibile che, se non sono i cittadini perbene e di buonsenso a segnalare queste discariche a cielo aperto, il Comune e l’Azienda lascino passare giorni, a volte anche settimane, prima di intervenire. Purtroppo la maleducazione di certe persone è difficile da combattere ma certamente si possono studiare soluzioni migliorative, come ad esempio installare una o più telecamere di videosorveglianza al fine di individuare, punire e scoraggiare questi incivili e ripulire tempestivamente l’area. #noaldegrado

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ PADOVANA LO DECIDANO I PADOVANI

Le parole del Consigliere Foresta sono l’emblema di un’amministrazione sempre più autoreferenziale e lontana dai cittadini. Anziché “accorciare i tempi per la realizzazione della seconda linea del tram per non rischiare alle prossime elezioni”, la giunta avvii quanto prima una consultazione popolare sul tema che metta definitivamente la parola “fine” alla controversia. Una decisione così importante sul futuro della mobilità padovana può essere presa solo dai padovani. Basta imposizioni ideologiche frutto di accordi di palazzo!

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑