GLI APPUNTAMENTI DELLA SETTIMANA

Il nostro tour dei quartieri continua! Questa settimana faremo tappa a MORTISE, CENTRO STORICO E SACRA FAMIGLIA per raccogliere le problematiche e le proposte dei residenti e portarle all’attenzione delle Istituzioni cittadine.

Annunci

AL VIA LA 3^ EDIZIONE DEL TOUR “QUARTIERI AL CENTRO”

Al via la 3^ edizione del tour quartieri al centro! Scopri la tappa più vicina e vieni a raccontarci cosa non va e come migliorare la zona in cui vivi, lavori o studi. Agli incontri saranno presenti i nostri volontari e i Consiglieri Comunali che hanno aderito all’iniziativa. Le segnalazioni raccolte saranno poi consegnate agli assessorati / settori competenti nella speranza che possano trovare soluzione. Potranno inoltre essere la base per petizioni, mozioni, interrogazioni, manifestazioni ed eventi. Qualora tu abbia già partecipato all’iniziativa lo scorso anno ma la tua richiesta sia rimasta disattesa, ti preghiamo di comunicarcelo affinché possiamo sollecitare chi di dovere o valutare azioni alternative. Il nostro tour non intende in alcun modo sovrapporsi al lavoro delle Consulte di quartiere ma semplicemente offrire un’ulteriore opportunità ai cittadini, fuori da interessi e logiche di partito.

LUCI E OMBRE SUL FUTURO DI CORSO MILANO

Riqualificare corso Milano, trasformandolo in un accogliente boulevard con piste ciclabili protette, alberature e piazzette è sicuramente un’idea affascinante che vale la pena sperimentare. Sottolineiamo SPERIMENTARE. Occorre infatti capire se la riduzione delle carreggiate riuscirà a reggere il grande flusso automobilistico che da sempre caratterizza questa importante arteria stradale. Questo però non è l’unico interrogativo, perché se da un lato il parcheggio alla Prandina compenserà i 27 posti auto che verranno cancellati in corso Milano, dall’altro la pedonalizzazione di piazza Insurrezione, la trasformazione in parco di piazzale Boschetti e l’ulteriore ztl in via Dante, rischierebbe di limitare fortemente l’accesso al centro, danneggiando il commercio di prossimità e favorendo i centri commerciali.

I RISULTATI DEL NOSTRO SONDAGGIO SULLA PRANDINA

96% FAVOREVOLI,
4% CONTRARI.
Chi ci segue ha le idee chiare sul futuro dell’ex caserma Prandina e su quell’area vuole un grande parcheggio al servizio del centro. Ora attendiamo le 8mila firme (in una settimana) di chi si oppone, annunciate da Lorenzoni e subito dopo la consultazione popolare promessa in campagna elettorale dal sindaco. Basta prese in giro! La Prandina appartiene ai padovani!

PRANDINA, LA NOSTRA SFIDA A LORENZONI E GIORDANI

Sul futuro dell’ex caserma Prandina l’amministrazione comunale è ostaggio della cecità ideologica di Lorenzoni. Nemmeno le oltre 1400 firme raccolte in questi giorni dai commercianti sono bastate a farlo quanto meno riflettere sulla necessità di un grande parcheggio per ridurre il traffico e favorire l’accesso al centro storico. Peggio, con estrema arroganza ha denigrato i firmatari e dichiarato di poterne raccogliere 8mila in una settimana tra chi la pensa in maniera opposta. Noi lo sfidiamo a farlo, a passare finalmente dalle parole ai fatti, ma soprattutto sfidiamo il sindaco a rispettare le promesse elettorali e ad avviare quanto prima una consultazione popolare sul tema. La Prandina appartiene ai padovani e una decisione così importante non può essere presa unicamente dagli elettori di Coalizione “Civica” e da qualche associazione pseudo ambientalista. E voi che ne pensate? Rispondete al nostro sondaggio cliccando qui.

PAROLE E SIMBOLI INACCETTABILI

Sui muri di via Folloppio, a pochi passi dall’Istituto di Anatomia e dall’ospedale, è apparsa questa scritta vergognosa su cui ora indaga la Digos. Auspichiamo che gli autori di questo ignobile gesto vengano individuati e puniti severamente. Inneggiare ad un terrorista pluriomicida, rimasto impunito per ben 36 anni, utilizzando anche simboli che rievocano anni bui della storia del nostro Paese, è un fatto gravissimo. Il nostro pensiero ai familiari delle vittime di questo assassino che merita di trascorre quel che resta della sua miserabile vita in galera insieme ai compagni ancora latitanti in giro per il mondo.

SÌ AL DASPO URBANO

Il Movimento del Buonsenso è assolutamente favorevole all’applicazione del daspo urbano. Giusto aiutare chi è in difficoltà ma comportamenti molesti o illeciti non possono in alcun modo essere tollerati. I padovani si riapproprino degli spazi pubblici non solo in centro ma anche nei quartieri. NO a parcheggiatori o venditori abusivi, ad accattoni insistenti e soprattutto a spacciatori! SÌ alla legalità, sempre!

PADOVA, INSICUREZZA REALE O PERCEPITA?

Protestano e chiedono più controlli i residenti e i commercianti del centro storico dopo il grave accoltellamento di mercoledì pomeriggio in via Zabarella. Anche l’opposizione insorge e chiede al Sindaco di rimettere la delega alla sicurezza e affidarla ad un esperto. Giordani dal canto suo sminuisce l’accaduto e parla di “percezione di insicurezza”, rassicurando la cittadinanza. A noi pare evidente che qualcosa non funzioni e che le paure di chi vive e lavora in centro e anche nei quartieri siano tutt’altro che infondate. Quali soluzioni? Anche di questo parleremo con i Consiglieri Comunali Matteo Cavatton, Enrico Turrin ed Elena Cappellini all’INCONTRO PUBBLICO di lunedì sera alla Sacra Famiglia. Non mancare!

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑