PREOCCUPAZIONE PER IL CAVALCAVIA BORGOMAGNO

Gira da ieri questa foto del cavalcavia Borgomagno e si moltiplicano i commenti di cittadini che testimoniano la caduta di calcinacci. Nel manifestare la nostra preoccupazione chiediamo al sindaco e alla giunta di monitorare la situazione e di eseguire con la massima celerità ed urgenza i necessari lavori di manutenzione e messa in sicurezza della struttura.

Annunci

RIQUALIFICAZIONE SUBITO O SARÀ MOBILITAZIONE!

Oltre un anno fa abbiamo scritto e depositato, grazie al supporto del Consigliere Luciani, una mozione per riqualificare il Borgomagno, mozione che è stata inserita nell’ordine del giorno degli ultimi due Consigli Comunali e puntualmente RINVIATA. Al di là delle nostre proposte, che possono essere condivise o meno, ciò che ci lascia esterrefatti è il TOTALE DISINTERESSE dell’amministrazione per una questione che dovrebbe avere la massima PRIORITÀ. Sembra quasi ci sia la volontà politica di censurare, insabbiare, nascondere i problemi anziché risolverli. Noi però non ci stiamo più. I cittadini non ci stanno più. Chiediamo al Sindaco e alla Giunta di mettere al centro dell’agenda politica e del dibattito in aula la riqualificazione del rione prima che diventi una seconda via Anelli o sarà MOBILITAZIONE!

NOI NON CI STIAMO!

Inaccettabile che l’amministrazione comunale, in nome di un pluralismo inesistente, abbia concesso una sala pubblica ad un gruppo di facinorosi che lo scorso anno ha messo a ferro e fuoco il centro storico e ferito 5 agenti. Fatto ancor più grave considerando che la suddetta sala è stata utilizzata per contestare pubblicamente i provvedimenti a loro carico disposti dal Questore. Vergognoso inoltre che una parte della maggioranza (Coalizione Civica) abbia sostenuto le loro assurde rivendicazioni, facendo scempio delle Istituzioni che dovrebbe rappresentare. Noi non ci stiamo! Palazzo Moroni è la casa dei padovani, non la casa della violenza e dell’illegalità! Chiediamo al Questore ed al Prefetto di reagire con forza e di procedere penalmente nei confronti di questi prepotenti che hanno violato il divieto di accesso a Padova, ignorando sfacciatamente il foglio di via. È ora di dire basta! #tolleranzazero

BLOCCO AUTO DIESEL EURO 3: ANZIANI IN DIFFICOLTÀ

Ci uniamo alla denuncia di questa signora di 87 anni dell’Arcella, emblema di tutti gli anziani padovani in difficoltà a causa del blocco delle auto Diesel Euro 3. Come può infatti un pensionato minimo che già arriva a stento a fine mese a causa di affitto, bollette, tasse, ecc… permettersi di cambiare macchina? Il Sindaco replica che per gli anziani con Isee inferiore a 6mila euro (soglia ridicola!) la circolazione è consentita, peccato che la deroga valga soltanto per i giorni del cosiddetto “bollino verde” mentre se il Pm10 supera i 4 giorni di sforamento, nisba, tutti a casa! Inutile ora fare lo scarica barile con la Regione o con lo Stato, ogni Comune aveva ed ha la possibilità di stabilire deroghe autonomamente, a Verona ad esempio sono stati esentati dal blocco tutti i cittadini con un reddito Isee inferiore a 16.700 euro annui, i portatori di handicap, gli over 70 e più in generale tutti coloro che devono recarsi sul posto di lavoro e non possono contare su un trasporto pubblico adeguato. #giordanisveglia

UNA CHIUSURA INGIUSTA

Esprimiamo la nostra vicinanza a Emanuela e Giuliano per l’ingiusta e vergognosa chiusura della loro attività. Se l’amministrazione comunale avesse voluto una soluzione si sarebbe trovata ma alla fine ha prevalso il mix letale di burocrazia e ottusità.

LA “LOTTA AGLI SPRECHI” SECONDO GIORDANI & CO

Alla faccia della spending review il Comune di Padova assume 12 nuovi dirigenti e 112 nuovi dipendenti a tempo indeterminato per un totale di ben 3 milioni di euro all’anno a carico dei padovani! Non era sufficiente una riorganizzazione del personale, magari rivendendo il carico di lavoro degli attuali oltre 1700 lavoratori comunali? Reale necessità o mero clientelismo? Attendiamo che i nomi siano resi pubblici per trarre le conclusioni.

IN STRADA CON I RESIDENTI E I COMMERCIANTI DI VOLTABAROZZO!

Segnaliamo questo articolo del Gazzettino di oggi e ribadiamo la nostra posizione: #notram, #norotaie! Esistono sistemi di trasporto più moderni, economici e meno impattanti, ad esempio i bus elettrici con corsie preferenziali. Incomprensibile l’entusiasmo e l’ostinazione di Giordani e Lorenzoni per un progetto obsoleto e fortemente ideologico. Noi siamo dalla parte dei residenti e dei commercianti di Voltabarozzo e delle altre aree interessate e siamo pronti a scendere in strada con loro.

LA COERENZA DEI DUE “CIVICI”

Fino a pochi mesi fa Lorenzoni diceva: “MAI un parcheggio alla Prandina”, spalleggiato da note associazioni ambientaliste padovane, fonte di voti. Nel programma elettorale di Giordani, invece, non si faceva nemmeno menzione di un eventuale parcheggio nell’area dell’ex caserma. L’unico ad aver da sempre espresso la volontà e la necessità di realizzare un parcheggio su quel sito è stato Massimo Bitonci che aveva già avviato l’iter con il demanio. Non solo un grande parcheggio al servizio del centro ma anche nuovi spazi verdi e lo spostamento della carreggiata di via Orsini per lasciare spazio al Parco delle Mura. Proposte di BUONSENSO che siamo felici di constatare abbiano persuaso (o siano sul punto di persuadere) anche i due “civici”. Forse saranno un po’ meno felici i loro elettori a cui era stato promesso tutt’altro, proprio come per l’ospedale. Ancora una volta la nostra concretezza e lungimiranza contro le loro chiacchiere. #megliotardichemai #wlacoerenza

DAL GOVERNO 56 MILIONI PER LE NUOVE LINEE DEL TRAM: VERITÀ O PROPAGANDA?

La tragicomica accoppiata Giordani-Lorenzoni, supportata dai soliti giornali amici, continua a blaterare in merito ai presunti fondi governativi per la realizzazione della seconda linea del tram. Peccato che del finanziamento di 56 milioni non ci sia traccia nella Legge di Bilancio e dunque risulti essere una mera promessa elettorale che speriamo non si concretizzi mai! #notram #bastarotaie

Ecco l’opinione dei padovani che hanno risposto al nostro sondaggio in merito.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑