LUCI E OMBRE SUL FUTURO DI CORSO MILANO

Riqualificare corso Milano, trasformandolo in un accogliente boulevard con piste ciclabili protette, alberature e piazzette è sicuramente un’idea affascinante che vale la pena sperimentare. Sottolineiamo SPERIMENTARE. Occorre infatti capire se la riduzione delle carreggiate riuscirà a reggere il grande flusso automobilistico che da sempre caratterizza questa importante arteria stradale. Questo però non è l’unico interrogativo, perché se da un lato il parcheggio alla Prandina compenserà i 27 posti auto che verranno cancellati in corso Milano, dall’altro la pedonalizzazione di piazza Insurrezione, la trasformazione in parco di piazzale Boschetti e l’ulteriore ztl in via Dante, rischierebbe di limitare fortemente l’accesso al centro, danneggiando il commercio di prossimità e favorendo i centri commerciali.

Annunci

RIQUALIFICAZIONE SUBITO O SARÀ MOBILITAZIONE!

Oltre un anno fa abbiamo scritto e depositato, grazie al supporto del Consigliere Luciani, una mozione per riqualificare il Borgomagno, mozione che è stata inserita nell’ordine del giorno degli ultimi due Consigli Comunali e puntualmente RINVIATA. Al di là delle nostre proposte, che possono essere condivise o meno, ciò che ci lascia esterrefatti è il TOTALE DISINTERESSE dell’amministrazione per una questione che dovrebbe avere la massima PRIORITÀ. Sembra quasi ci sia la volontà politica di censurare, insabbiare, nascondere i problemi anziché risolverli. Noi però non ci stiamo più. I cittadini non ci stanno più. Chiediamo al Sindaco e alla Giunta di mettere al centro dell’agenda politica e del dibattito in aula la riqualificazione del rione prima che diventi una seconda via Anelli o sarà MOBILITAZIONE!

LA STORIA INSEGNA CHE I TRADITORI NON SONO MAI VINCITORI

14485128_1067780610004866_2408672031724438019_n.jpg

Ci sono momenti, nella vita, in cui si fanno delle scelte. Nel mio caso, nel 2014 ho scelto di candidarmi nella Lista Civica “Bitonci Sindaco”. Una scelta ben ponderata che difendo tuttora con forza ed orgoglio. Ci sono poi persone che rinnegano le proprie scelte e lo fanno a discapito della comunità, in modo irresponsabile e opportunistico. Ecco cos’è accaduto nelle ultime ore a Padova. L’ennesimo tradimento del mandato elettorale, l’ennesimo voltafaccia, l’ennesimo esempio di cattiva politica.

Prendo fermamente le distanze da quelli che fatico persino a definire ex colleghi che, apponendo la firma in quella scellerata mozione di sfiducia, hanno decretato la fine dell’Amministrazione Bitonci. Un’Amministrazione che in questi 2 anni e mezzo ha lavorato bene, con profitto e nel pieno interesse dei cittadini. Tutti! Il cambiamento è decisamente evidente, nonostante le numerose difficoltà che di volta in volta si sono incontrate. Massimo Bitonci non ha diviso la città ma ha ridato speranza ai padovani con fatti concreti e non con i soliti slogan.

Penso ai nuovi criteri di assegnazione delle case popolari, che hanno finalmente reso giustizia alle decine di concittadini da decenni in attesa di un alloggio e puntualmente scavalcati dagli ultimi arrivati. Penso alla patente a punti per i bar e ai tanti eventi che hanno ridato vita alle Piazze. Alla rotonda a fagiolo alla Stanga che ha reso finalmente più fluido il traffico a Padova est. Penso a piazza Rabin, all’accordo per il restauro e il riutilizzo dell’ex Foro Boario, dopo anni di abbandono e degrado, proprio come per l’ex caserma Romagnoli. Penso anche ai lavori di ristrutturazione dei padiglioni della fiera e all’avvio di quelli per il centro congressi. Penso al futuro parco Tito Livio che sorgerà al posto dell’attuale piazzale Boschetti, al restauro e alla rivalorizzazione della cinta muraria, allo sgombero del campo rom di via Bassette, del condominio del degrado di via Confalonieri e della Prandina, futuro parcheggio al servizio del centro. Penso alla lotta serrata contro lo spaccio di droga, l’accattonaggio molesto, il gioco d’azzardo, la prostituzione di strada, l’alcolismo giovanile, i furti di biciclette. Penso anche alla riduzione delle tasse locali, alla possibilità di convertire le multe in lavori socialmente utili e agli importanti risultati ottenuti in termini di presenze turistiche. Tutto questo e molto altro: l’inaugurazione di scuole, palestre, parchi pubblici, ovunque ci sono cantieri e i progetti in itinere sono parecchi.
Amministrare bene una città come Padova non è compito facile e implica determinazione, idee chiare e polso fermo.

Sono onorata di aver contribuito a rendere possibile tutto questo al fianco di un grande Sindaco che non si è mai piegato agli sporchi giochi di una politica corrotta. Siamo una grande squadra composta da persone oneste, provenienti dalla società civile e non dai soliti politici di professione. Non ci arrenderemo! Ci vuole ben altro che una congiura di palazzo per farci desistere. Ci ripresenteremo agli elettori più uniti di prima. Non permetteremo che la sinistra, che ha mal governato la città per decenni, torni a fare danni e a curare i propri interessi di parte.

Concludo, ricordando ai miei ex colleghi che la storia insegna che i traditori non sono mai vincitori.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Ex Consigliera Comunale (Lista Bitonci Sindaco)
Ex Presidente V commissione (Sociale)

PADOVA VIETA IL BURQA

no burqa.jpg

Da oggi è ufficialmente vietato entrare nei musei e in tutti gli uffici comunali di Padova con il volto coperto dal velo. Le donne islamiche dovranno quindi togliere burqa o niqab e farsi identificare. Il via libera è arrivato questa mattina durante una riunione di Giunta a Palazzo Moroni. Un plauso davvero sentito al Sindaco Massimo Bitonci per aver concretizzato ed esteso la mia mozione a tutela dei diritti delle donne e del rispetto della legalità, discussa, votata ed approvata dal Consiglio Comunale lo scorso 24 agosto (Video: https://goo.gl/TJ1QY6). In un momento di allerta massima come questo, la sicurezza pubblica è una priorità che va salvaguardata in ogni modo possibile e il riconoscimento immediato di una persona rientra senza dubbio in quest’ottica. Ora, mi auguro che anche a Roma si prenda coscienza del problema e venga aggiunto uno specifico riferimento a burqa e niqab nella cosiddetta legge Reale-Mancino del 22 maggio 1975, n° 152. In questo modo il testo non potrà più essere liberamente interpretato dal giudice di turno e il divieto di girare col volto coperto sarà esteso a tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico, comprese strade, negozi, scuole, autobus, ecc… Il Comune e la Regione hanno fatto quanto era in loro potere, ora tocca allo Stato centrale.

Elisabetta Beggio

RAGGIUNTO L’ACCORDO PER PIAZZA RABIN

foro boario.jpg

Piazza Rabin, Prato della Valle. Dopo anni di contenziosi finalmente è stata trovata una soluzione definitiva. Approvato ieri mattina in Giunta l’accordo transattivo con i privati, che hanno proposto un contratto di 45 anni e il 13% dei ricavi, tra parcheggi e affitti per le attività commerciali, da versare nelle casse di Palazzo Moroni. A breve l’inizio dei lavori: il frontone dell’ex Foro Boario, dopo anni di abbandono e degrado, diventerà un punto vitale, con un supermercato, un ristorante sulla terrazza, un’enoteca nell’ala sinistra, una libreria e una gioielleria nell’ala destra. Il parcheggio sarà preservato e conterà 490 posti auto, 40 per i pullman e 9 per i camper. L’intesa porterà nelle casse comunali introiti stimati in circa 200mila euro l’anno.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑