BASTA TASSE SULLA CASA! 

Dal 2011 ad oggi la tassazione sul possesso di immobili è più che raddoppiata passando da 9,9 a 21,2 miliardi di euro. Questa gravosa imposizione, oltre ad aver impoverito imprese e famiglie, ha fortemente danneggiato il mercato immobiliare e tutto l’indotto che ne deriva, causando la perdita di migliaia di posti di lavoro e miliardi di euro di ricchezza nazionale. Assolutamente imparagonabile dunque la vecchia ICI, abolita dal centrodestra, con le attuali IMU e TASI, introdotte e gradualmente aumentate dai vari governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni. Un vero e proprio furto legalizzato! La nostra posizione sul tema è chiara: siamo per la totale intassabilità della prima casa e per una rigorosa riduzione del carico fiscale su capannoni e negozi. Accanirsi sui luoghi in cui si produce e si lavora non ha senso, se non quello di fare cassa, danneggiando però l’economia reale del Paese. #bastatassesullacasa

Annunci

APPELLO PER UNA TASSAZIONE PIÙ EQUA SULLA CASA

o.170846Dal 2011 ad oggi la tassazione sugli immobili è aumentata del 200% passando da 11 a 32,5 miliardi di euro. Questa gravosa imposizione, oltre ad aver impoverito imprese e famiglie, ha completamente paralizzato il mercato immobiliare e tutto l’indotto che ne deriva, causando la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro e miliardi di euro di ricchezza nazionale. Un vero e proprio furto legalizzato. Dove il fisco è civile, tassare la casa come avviene in Italia non sarebbe possibile perché la Costituzione lo impedisce. La Corte costituzionale federale tedesca, per esempio, ha stabilito in una sentenza del 22 giugno 1995 che “il prelievo fiscale trova il proprio limite costituzionale nella capacità di reddito del patrimonio”. L’imposta sul patrimonio, pertanto, può aggiungersi alle normali imposte sui redditi solo nella misura in cui il contribuente risulti in grado di far fronte con i proventi normalmente prevedibili e disponga ancora, dopo il pagamento dell’imposta, di una parte del proprio reddito. Il che comporta l’intassabilità del “minimo vitale” per il contribuente e per la sua famiglia. Il Movimento del Buonsenso da sempre si batte per la sacralità della prima casa. La nostra posizione è semplice, chiara e diretta: BASTA TASSE SULLA CASA! Occorre un segnale di controtendenza forte e positivo, rispetto a una pressione fiscale sugli immobili che in Italia ormai ha raggiunto il 2,2% del Pil, il livello più alto tra i Paesi Ocse, che in media non superano l’1,2%: una stretta eccessiva e controproducente. A livello locale, la giunta Bitonci sta facendo la sua parte: la Tasi è stata fissata al 2,7×1000 (2,5 aliquota di base + 0,2 per sostenere le detrazioni a favore di chi è più in difficoltà). La Tari (tassa sui rifiuti) ha subito una riduzione del 5,3% per l’uso abitativo e del 5,2% per le attività commerciali. L’aliquota Imu è stata ancorata allo 0,46%, il minimo possibile, per l’abitazione principale mentre è stata ridotta dall’1,04% allo 0,99% per uffici, studi privati, negozi, botteghe, magazzini e locali di deposito, laboratori per arti e mestieri, opifici, alberghi, pensioni, teatri, cinema, sale conferenze, case di cura e ospedali, fabbricati industriali, agricoli e commerciali, edifici galleggianti. Per quanto riguarda gli istituti di credito, cambio e assicurazione, invece, deciso un aumento: dall’1,04% all’1,06%. Tale maggior gettito sarà impiegato per coprire le detrazioni Tasi a favore dei disabili. Ridotta inoltre l’Imu sulle seconde case: dall’1,04% all’1,02%. Un sforzo per andare incontro a tutte quelle categorie particolarmente in difficoltà, con la speranza che i privati agiscano di conseguenza abbassando i canoni di affitto di negozi e abitazioni per scongiurare ulteriori chiusure di attività commerciali a causa di importi troppo elevati. Ora chiediamo una svolta a livello centrale. Gli italiani e le loro case non sono il bancomat del governo! Gli esecutivi devono smettere di alzare le tasse per compensare alla propria incapacità di governare.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista ‪BitonciSindaco‬

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑