VIA LIBERA DEL SENATO ALLA RIFORMA DELLA LEGITTIMA DIFESA

Esprimiamo la nostra soddisfazione per il via libera del Senato al riforma della #legittimadifesa con 195 voti favorevoli (Lega, Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Fratelli d’Italia), 52 contrari (PD, Liberi e Uguali) e un astenuto. Ora il provvedimento passa all’esame della Camera. Ecco le principali novità.

Annunci

L’EMBLEMA DI UNA SINISTRA FUORI DALLA REALTÀ

Macerata, un folle spara in mezzo alla strada e il dibattito in Italia è su chi sia il “mandante morale” di questo gesto criminale. I vari Saviano, Grasso, Boldrini parlano addirittura di “terrorismo” e accusano Salvini di fomentare l’odio razziale e di essere “parte del problema”. Premesso che il nostro Movimento condanna senza “SE” e senza “MA” ogni forma di violenza, non possiamo non ribadire quanto sosteniamo da anni ossia che l’immigrazione INCONTROLLATA genera il caos,alimenta sentimenti di paura e rabbia e porta ad inevitabili tensioni sociali. Da tempo lo Stato italiano non è più in grado di garantire la sicurezza dei suoi cittadini e le nostre strade e piazze sono invase da spacciatori, stupratori e ladri, molti dei quali CLANDESTINI. Ecco il risultato di 5 anni di malgoverno della sinistra!

QUALI SOLUZIONI?

  1. Stop all’accoglienza indiscriminata e difesa dei confini.
  2. Certezza e severità della pena.
  3. Espulsione immediata per gli stranieri che delinquono ed esecuzione della pena nello stato di provenienza.
  4. Abolizione o quanto meno revisione del reato di tortura che limita fortemente l’operato delle Forze dell’Ordine.
  5. Più controlli sul territorio anche con l’ausilio dell’Esercito.

LA DIFESA È SEMPRE LEGITTIMA

piede_di_porco

Noi del Movimento del Buonsenso riteniamo da sempre che l’inviolabilità della nostra casa, del nostro negozio, della nostra azienda, insomma della proprietà privata, sia un principio irrinunciabile e da difendere con fermezza. Per questo, sosteniamo e sosterremo qualunque iniziativa finalizzata a modificare la legge vigente sulla legittima difesa e ad abolire l’assurdo reato di “eccesso colposo di legittima difesa”. Non stiamo invocando la corsa alle armi o alla giustizia “fai da te”, ma i cittadini onesti devono essere tutelati e messi nella condizione di poter difendere se stessi, i propri beni, la propria famiglia da malintenzionati che potenzialmente potrebbero essere armati e colpire per primi. I casi di Graziano Stacchio, Ermes Mattielli, Francesco Sicignano e molti altri non possono e non devono essere dimenticati. In nessun Paese che si consideri civile ed evoluto può essere riconosciuta al ladro la possibilità di richiedere un risarcimento danni alla sua vittima. È una beffa intollerabile a cui noi diciamo basta! A tal proposito segnaliamo la proposta di legge di iniziativa popolare che è possibile sottoscrivere fino al 25 maggio presso l’Ufficio Segreteria o Anagrafe del proprio Comune di residenza e che ha per oggetto: “Disposizioni per la tutela dell’inviolabilità del domicilio e in materia di difesa legittima”.

NOI STIAMO CON CHI SI DIFENDE!

351_ladro-grandeDavvero uno strano Paese il nostro. Se qualcuno si introduce nella nostra abitazione e noi, come suggerisce l’istinto, reagiamo, siamo in torto. Se siamo minacciati, non necessariamente da un’arma ma anche solo dall’atteggiamento, e noi ci difendiamo, siamo in torto. Strano Paese dicevo, quello in cui un ladro è più tutelato di chi subisce il furto. Recente è il caso di Vaprio d’Adda, dove un uomo ha sparato per difendere la sua casa e la sua famiglia da coloro che vi erano entrati con l’intenzione di rubare, non certo di intraprendere un’amena conversazione. Orbene, in casi come questo si viene indagati per eccesso di legittima difesa o ancor peggio per omicidio volontario. Questo è reso possibile da una legge assurda che prevede tutta una serie di presupposti allucinanti prima che chi sta subendo un furto possa reagire e difendersi. Ma in un Paese civile può esistere il reato di eccesso di legittima difesa? Bene ha fatto il Sindaco Massimo Bitonci a dichiarare che il Comune di Padova assicurerà il patrocinio gratuito a coloro che dovessero per disgrazia trovarsi nella stessa situazione dell’uomo finito recentemente sotto accusa. Difendere la proprietà privata è un nostro diritto. Difenderla da malintenzionati che potenzialmente potrebbero essere armati e sparare per primi (i casi di cronaca non sono mancano!) deve essere contemplato dal nostro ordinamento giuridico. Non sto invocando la corsa alle armi, sto però dicendo che coloro che hanno il coraggio di non subire in silenzio la violenza e i soprusi di certi criminali, non andrebbero puniti, bensì compresi. Aboliamo l’eccesso di legittima difesa!

Elisabetta Beggio 
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

LA NOSTRA DICHIARAZIONE DI GUERRA AL RACKET DELLE BICICLETTE

racket bici PadovaDomani dalle 09.00 alle 19.00, in Prato della Valle, si terrà la “Festa della Bicicletta – Energia per la vita”, un’iniziativa che coinvolge cittadini, associazioni e sportivi, volta a valorizzare il mezzo a due ruote e l’importanza della mobilità sostenibile. Gli elementi distintivi della manifestazione sono il richiamo all’Expo 2015, il riferimento ad Expo Bici e il lancio della Sfida europea in bicicletta 2015. In programma numerose iniziative ed eventi per la promozione della ciclabilità, tra cui: una mostra-mercato di biciclette e accessori, biciclettate per famiglie e bambini, visite guidate in bicicletta, la presenza di gruppi caratteristici quali i Ciclopi, le Cargobike e le bici d’epoca, servizio di marcatura, intrattenimento musicale, esposizione e vendita di cibo di strada e tanto divertimento. La manifestazione è organizzata dai Settori: Mobilità e Traffico, Commercio e Attività Economiche, Servizi Sportivi e Ambiente del Comune di Padova. Per moltiplicare il numero di ciclisti tuttavia è indispensabile in primo luogo combattere i ladri di biciclette: il timore di essere derubati, infatti, insieme a quello di essere investiti, rappresenta una delle principali cause che ostacolano la crescita del ciclismo urbano. A ciò si somma un diffuso sentimento di rassegnazione di fronte al racket che spinge molti a non sporgere denuncia e magari ad alimentare il circolo vizioso acquistando nuove biciclette a buon prezzo dagli stessi ricettatori. Purtroppo conosco molto bene il problema, in questi anni ho subito più di 10 furti in centro storico di cui 3 addirittura nel cortile condominiale. Circa due anni fa ho dovuto persino rubare la mia bici rubata, dopo averla ritrovata poche ore dopo legata con un altro lucchetto nei pressi di piazza Eremitani. I vigili senza una denuncia non potevano intervenire e così, per evitare che fosse nuovamente spostata, ho deciso di intervenire da sola con l’aiuto di alcuni passanti. Un vicenda grottesca e sconfortante. Alcune mie conoscenti da tempo hanno rinunciato e circolano a piedi per non dare più soddisfazione ai ladri di farsi derubare. Che fare? Quali soluzioni? Occorre individuare efficaci strategie di contrasto ai furti di biciclette e sensibilizzare gli avventori ad un utilizzo più sicuro del mezzo. Maggiori controlli, più telecamere, diffusione del servizio di marchiatura, nuove rastrelliere di qualità e parcheggi custoditi. Queste alcune proposte. Nei prossimi mesi il Movimento del Buonsenso intende realizzare iniziative mirate e combattere in sinergia con l’Amministrazione Comunale questa piaga cittadina. Nel 2012 abbiamo organizzato un passeggiata ai Giardini dell’Arena contro il degrado, quest’anno faremo una vera e propria incursione! Presto anche un’interrogazione all’Assessore alla Sicurezza, Maurizio Saia, sul tema. È tempo di alzare la testa e riprenderci la nostra città! Tolleranza zero verso questi criminali!

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑