GIUSTIZIA, FINALMENTE!

Assolto in Appello Franco Birolo, il tabaccaio di Civè di Correzzola condannato in primo grado a 2 anni e 8 mesi di carcere per eccesso colposo di legittima difesa dopo aver sparato e ucciso un ladro moldavo, il ventenne Igor Ursu, che si era introdotto di notte nella sua tabaccheria per rubare con altri tre complici mai identificati. Una condanna a cui si era aggiunto anche il risarcimento-beffa di 325.000 euro alla famiglia del malvivente morto. Finalmente, dopo anni di calvario, giustizia è stata fatta! Difendere la proprietà privata è un nostro diritto. Se un estraneo entra di notte in casa nostra, non possiamo conoscere le sue intenzioni né se sia armato e, nel dubbio, dobbiamo difenderci. In qualunque modo e con qualunque mezzo scegliamo di farlo, quella difesa è sempre legittima. #legittimadifesa

DALLA PARTE DI CHI SI DIFENDE, SEMPRE!

Oggi sono stata ospite della trasmissione “Rosso e Nero” su Telenuovo. Nel corso della puntata si è discusso di legittima difesa in seguito al tentativo di rapina nella villa di Adriano Celentano e alle discusse dichiarazioni di Francesco Facchinetti sull’argomento. Da sempre ritengo che l’inviolabilità della nostra casa, del nostro negozio, della nostra azienda, insomma della proprietà privata, sia un principio irrinunciabile e da difendere con fermezza. Per questo, sostengo e sosterrò sempre qualunque iniziativa finalizzata a modificare la legge vigente sulla legittima difesa e ad abolire l’assurdo reato di “eccesso colposo di legittima difesa”. Non sto invocando la corsa alle armi o alla giustizia “fai da te”, ma i cittadini onesti devono essere tutelati e messi nella condizione di poter difendere se stessi, i propri beni, la propria famiglia da malintenzionati che potenzialmente potrebbero essere armati e colpire per primi. I casi di Graziano Stacchio, Ermes Mattielli, Francesco Sicignano e molti altri non possono e non devono essere dimenticati. In nessun Paese che si consideri civile ed evoluto può essere riconosciuta al ladro la possibilità di richiedere un risarcimento danni alla sua vittima. È una beffa intollerabile! Voi che ne pensate?

LA DIFESA È SEMPRE LEGITTIMA

piede_di_porco

Noi del Movimento del Buonsenso riteniamo da sempre che l’inviolabilità della nostra casa, del nostro negozio, della nostra azienda, insomma della proprietà privata, sia un principio irrinunciabile e da difendere con fermezza. Per questo, sosteniamo e sosterremo qualunque iniziativa finalizzata a modificare la legge vigente sulla legittima difesa e ad abolire l’assurdo reato di “eccesso colposo di legittima difesa”. Non stiamo invocando la corsa alle armi o alla giustizia “fai da te”, ma i cittadini onesti devono essere tutelati e messi nella condizione di poter difendere se stessi, i propri beni, la propria famiglia da malintenzionati che potenzialmente potrebbero essere armati e colpire per primi. I casi di Graziano Stacchio, Ermes Mattielli, Francesco Sicignano e molti altri non possono e non devono essere dimenticati. In nessun Paese che si consideri civile ed evoluto può essere riconosciuta al ladro la possibilità di richiedere un risarcimento danni alla sua vittima. È una beffa intollerabile a cui noi diciamo basta! A tal proposito segnaliamo la proposta di legge di iniziativa popolare che è possibile sottoscrivere fino al 25 maggio presso l’Ufficio Segreteria o Anagrafe del proprio Comune di residenza e che ha per oggetto: “Disposizioni per la tutela dell’inviolabilità del domicilio e in materia di difesa legittima”.

NOI STIAMO CON CHI SI DIFENDE, SEMPRE.

franco birolo

L’avvocato della famiglia del rapinatore moldavo ucciso ha definito “coraggiosa” la sentenza di condanna del tabaccaio di Civè di Correzzola, Franco Birolo. Che dire, siamo d’accordo con lui, ci vuole proprio un bel coraggio per pronunciare una condanna così vergognosa! 2 anni e 8 mesi di reclusione e 325.000 euro di risarcimento per aver difeso la propria attività e la propria famiglia. E qui una domanda sorge spontanea: come è stata determinata questa cifra? Forse per il calcolo ci si è basati sull’ipotetico numero di rapine che Igor Ursu avrebbe potuto compiere nell’arco della sua vita “lavorativa” criminale? Quanto poco buon senso in questa vicenda. Noi ribadiamo la nostra posizione: stiamo al fianco di chi si difende e siamo disponibili ad unirci ad altre associazioni, comitati, partiti e comuni cittadini per portare avanti una battaglia condivisa di civiltà e giustizia. ‪#‎LegittimaDifesa‬

SPARÒ AL LADRO, CONDANNATO. GIUSTIZIA INGIUSTA.

 

Condanna a 2 anni e 8 mesi di carcere per Franco Birolo, il tabaccaio di Civè di Correzzola che sparò e uccise il ventenne moldavo, Igor Ursu, mentre stava razziando il suo negozio. E come se non bastasse anche il risarcimento di 325.000 euro alla famiglia del malvivente morto. Strana giustizia la nostra. Eccesso colposo di legittima difesa, ha sentenziato il giudice, nonostante anche la pubblica accusa avesse reclamato l’assoluzione. Che dire, trovo vergognoso che venga incriminato un lavoratore onesto e che debba pure pagare i danni per aver difeso la sua attività e la sua famiglia che dormiva a pochi metri dal luogo dell’assalto. Che avrebbe dovuto fare? Lasciare che facessero manbassa e che scappassero? Magari prima passando a dare un salutino in camera da letto? Difendere la proprietà privata è un nostro diritto. Difenderla da malintenzionati che potenzialmente potrebbero essere armati e sparare per primi (i casi di cronaca non mancano!) deve essere contemplato dal nostro ordinamento giuridico. Non sto invocando la corsa alle armi, sto però dicendo che coloro che hanno il coraggio di non subire in silenzio la violenza e i soprusi di certi criminali, non andrebbero puniti, bensì compresi. Aboliamo l’eccesso di legittima difesa e stiamo dalla parte di chi si difende! Basta con queste condanne assurde! Voi che ne pensate?

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑