UNITI SI VINCE!

Il centrodestra si presenterà unito alle prossime elezioni con molti volti nuovi e un programma comune che va dall’abolizione della famigerata legge Fornero alla flat tax, dalla lotta all’immigrazione incontrollata alla difesa del Made in Italy, dal sostegno alla natalità all’adeguamento delle pensioni minime a 1.000 euro al mese, passando per un’importante revisione del sistema istituzionale in senso federale e presidenzialista. Proposte di BUONSENSO che condividiamo pienamente e che rientrano in un progetto molto più ampio ed articolato per rilanciare il Paese e liberarlo dall’oppressione fiscale, burocratica, giudiziaria e dagli ingiusti vincoli imposti dall’Unione Europea. #elezionipolitiche #4marzo #unitisivince

L’IMPRESA DI FARE IMPRESA IN ITALIA

pmi.png

Nel 2015 hanno chiuso in media 390 imprese al giorno. Un vera e propria strage! Le riforme del governo si sono rivelate inefficaci e hanno favorito per lo più la grande impresa a scapito delle piccole realtà, che tuttavia sono l’asse portante della nostra economia. Le ragioni di questo stallo sono molteplici: dall’elevato debito pubblico, alla lentezza della giustizia civile, dalla burocrazia alla tassazione, passando per l’evasione fiscale. Ed è su questi temi che è necessario interrogarsi, cercando le soluzioni, per uscire dalla crisi. Innovazione, internazionalizzazione, rilancio del made in Italy, green economy e accesso al credito sono le leve su cui occorre accentuare gli sforzi per favorire le Pmi. È necessario disegnare un sistema di incentivi per le aziende che investono nel nostro Paese, ridurre drasticamente la tassazione (Ires, Irap, Imu, Iva, ecc…) e proseguire sulla strada delle liberalizzazioni, un passaggio obbligato per rilanciare crescita e sviluppo. Infine occorre intervenire sulle norme che regolano il mercato del lavoro, garantendo più flessibilità in ingresso e nell’età di pensionamento, per facilitare il ricambio generazionale. Il Comune sta facendo la sua parte, ora il governo faccia la sua o vada a casa!

CARNE CANCEROGENA? FACCIAMO CHIAREZZA.

Sbatti il mostro in prima pagina! È il turno della carne che, a detta dei giornalisti, risulterebbe cancerogena. Ebbene, per fare buona informazione, sarebbe utile sottolineare che lo studio dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) parla di consumi di carni considerevoli: 100 grammi al giorno di carne rossa e 50 grammi di insaccati. Quantità che hanno poco a che vedere con le abitudini alimentari degli italiani. Infatti, la cosiddetta “dieta mediterranea”, raccomandata da nutrizionisti e da oncologi, prevede il consumo di carne 2 / 3 volte alla settimana. Serve inoltre precisare che la cottura è la vera discriminante, poiché sono le eventuali parti bruciacchiate a risultare cancerogene. Insomma, tutto se esagerato fa male, ma ricordiamoci anche che un falso allarme può causare danni enormi ai produttori di carne e disorientare non poco i consumatori. In Italia il comparto della zootecnica da carne, un settore chiave del Made in Italy, vale da solo 32 miliardi di euro, un quinto dell’intero agroalimentare tricolore, e conta 180mila posti di lavoro. Padova è la quarta provincia del Veneto per produzione di carne, con oltre 1.250 stalle che danno lavoro a migliaia di persone. Gli operatori del settore prevedono una flessione a cascata del 30% e questo equivale a posti di lavoro a rischio. Le informazioni vanno valutate con attenzione: la qualità della carne nostrana non è neanche lontanamente paragonabile a quella di altri Paesi ed è al primo posto per sicurezza. Non confondiamo l’hot dog USA con soppresse e salami della nostra tradizione. Faccio quindi un appello alla buona informazione e condanno fortemente il sensazionalismo ad oltranza.

Elisabetta Beggio 
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

IL VENETO TRA CRISI E SEGNALI DI RIPRESA

Il Veneto tra crisi e ripresaL’economia regionale sta attraversando la crisi più lunga della sua storia. Secondo i dati raccolti da Unioncamere Veneto sono circa tremila le imprese che hanno chiuso i battenti (432 in provincia di Padova) e quasi 11mila i posti di lavoro “bruciati” lo scorso anno. La disoccupazione resta elevatissima, i consumatori prudenti, le aziende incapaci di accedere al credito, la domanda interna stagnante o in calo. La ripresa sembra continuamente avvicinarsi per poi prendere il largo. Le ragioni di questo stallo sono molteplici: l’elevato debito pubblico, la lentezza della giustizia civile, l’incapacità riformista di tre governi non “eletti” dal popolo, la burocrazia, la tassazione, l’evasione fiscale. Ed è su questi temi che è necessario interrogarsi, cercando le soluzioni, per uscire dalla crisi. I numeri mostrano comunque una tenuta, per quanto faticosa, del sistema imprenditoriale veneto: nonostante la prolungata contrazione del flusso delle nuove iscrizioni, nel 2014 queste ultime sono tornate a superare le cessazioni sebbene di sole 400 unità. Il dato su cui però vorrei porre maggiore attenzione, riguarda i giovani, quei ragazzi tra i 15 e 29 anni che si sono arresi diventando “Neet”, acronimo inglese entrato a far parte del vocabolario corrente, che sta per “Not in education, employment or training”. Non studiano, né lavorano, forse scoraggiati dalle difficoltà, dai contratti proposti, dagli stipendi o più in generale dal clima di sfiducia diffuso. Un esercito di 129.822 unità, cresciuti del 66% dall’inizio della crisi, e in costante aumento. Nella nostra città, universitaria per eccellenza, nel 2008 si stimavano 10.920 giovani Neet, a inizio 2014 sono lievitati a 20.117 (+84%), di cui 6.496 maschi e 13.620 femmine. Renzi nel frattempo pensa alla legge elettorale, ad aumentare le tasse e a litigare con la minoranza interna al suo partito. In un anno di governo, oltre all’inutile bonus di 80 euro per una fascia ristretta della popolazione, solo annunci e tweet per tentare goffamente di coprire la propria inadeguatezza. Se nel 2015 si registrerà un’inversione di tendenza sarà grazie ad auspicabili politiche per la crescita decise in ambito europeo. A livello locale, la nuova amministrazione padovana sta facendo la sua parte: l’addizionale comunale Irpef che, ricordo, era la più cara del Veneto, è stata ridotta dello 0,1%. La Tasi è stata fissata al 2,7×1000 (2,5 aliquota di base + 0,2 per sostenere le detrazioni a favore di chi è più in difficoltà). L’aliquota Imu è stata ancorata allo 0,46%, il minimo possibile. La Tari (tassa sui rifiuti) ha subito una riduzione del 5,3% per l’uso abitativo e del 5,2% per le attività commerciali. Grazie all’utilizzo dei voucher sarà dato un lavoro a ben 300 persone che potrebbero salire a quota 600 se anche l’Ulss e l’Università si muoveranno in tal senso. Importante anche il progetto “Mini-Job Giovanili”. A questo si aggiunge il taglio delle spese della macchina comunale di oltre 5 milioni di euro e altre azioni economiche mirate. Un esempio di buona amministrazione. Ora ci aspettiamo che il governo nazionale cambi le proprie priorità: innovazione, internazionalizzazione, rilancio del made in Italy, green economy e accesso al credito sono le leve su cui occorre accentuare gli sforzi per favorire imprese. È necessario disegnare un sistema di incentivi per le aziende che investono nel nostro Paese, ridurre drasticamente la tassazione (Ires, Irap, Imu, Iva, ecc…) e proseguire sulla strada delle liberalizzazioni, un passaggio obbligato per rilanciare crescita e sviluppo. Infine occorre intervenire sulle norme che regolano il mercato del lavoro, garantendo più flessibilità in ingresso e nell’età di pensionamento, per facilitare il ricambio generazionale. Ecco il Veneto che non si arrende. Accusa il colpo, magari cade, ma trova la forza di rialzarsi, di aggrapparsi con le unghie e con i denti al presente, nella speranza di un futuro migliore. Il Veneto che non si piange addosso, ma combatte.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑