LA DEMOCRAZIA DELLE SARDINE

“Matteo Salvini e tutto il Centrodestra non hanno alcun diritto di ascolto. Le persone non devono ascoltare i loro comizi e infatti noi glielo impediamo! Dicono cose senza senso solo per diffondere odio e intolleranza. Noi siamo per l’accoglienza, per l’unione, per l’apertura agli altri. Noi dobbiamo essere ascoltati, non loro”. Parole illiberali, per non dire liberticide, pronunciate alcuni giorni fa dal leader delle sardine Mattia Santori nel corso della trasmissione “Otto e Mezzo” su LA7 e riscontrabili anche nel manifesto del movimento. Un nuovo modello di censura che anziché tappare la bocca di chi parla, mira a tappare le orecchie di chi vorrebbe ascoltare. Un modus operandi fortemente antidemocratico, basato sulla presunzione di avere la verità in tasca. Non una libera forma di opposizione ma una vera e propria imposizione ideologica. La dittatura del pensiero unico. Chi sono dunque i veri fascisti dei giorni nostri?

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑