NALIN, GALLANI E RUFFINI: VERGOGNA!

È gravissimo che a distanza di oltre settant’anni ci siano ancora esponenti delle Istituzioni che rifiutano di accettare una verità storica acclarata come i massacri delle foibe, mettendo addirittura in discussione per ragioni meramente ideologiche l’intitolazione di una via in memoria di Norma Cossetto, torturata, violentata e gettata probabilmente ancora viva in una foiba dai partigiani jugoslavi di Tito. Noi non dimentichiamo e pretendiamo rispetto per le vittime, i sopravvissuti e le loro famiglie. Nalin, Gallani e Ruffini si vergognino! Bene Giordani che ha tirato dritto.

Annunci

ONORE A NORMA COSSETTO E A TUTTI I MARTIRI DELLE FOIBE

«Ancora adesso la notte ho gli incubi, al ricordo di come l’abbiamo trovata: mani legate dietro alla schiena, tutto aperto sul seno il golfino di lana tirolese comperatoci da papà la volta che ci aveva portate sulle Dolomiti, tutti i vestiti tirati sopra all’addome […] Solo il viso mi sembrava abbastanza sereno. Ho cercato di guardare se aveva dei colpi di arma da fuoco, ma non aveva niente; sono convinta che l’abbiano gettata giù ancora viva. Mentre stavo lì, cercando di ricomporla, una signora si è avvicinata e mi ha detto: “Signorina non le dico il mio nome, ma io quel pomeriggio, dalla mia casa che era vicina alla scuola, dalle imposte socchiuse, ho visto sua sorella legata ad un tavolo e delle belve abusare di lei; alla sera poi ho sentito anche i suoi lamenti: invocava la mamma e chiedeva acqua, ma non ho potuto fare niente, perché avevo paura anch’io”»

(Dal racconto di Licia Cossetto, sorella di Norma, vittima innocente dei massacri delle foibe compiuti dai partigiani jugoslavi di Tito tra il 1943 e il 1945)

#giornodelricordo #noinondimentichiamo

GIORNO DEL RICORDO

Anche quest’anno, in occasione del “Giorno del ricordo”, il Movimento del Buonsenso commemora le vittime dei massacri delle foibe e si unisce al dolore dei sopravvissuti e dei discendenti, molti dei quali anche padovani. Oltre 10mila uomini, donne e bambini massacrati e poi infoibati, vivi o morti, senza pietà, in nome di un fanatismo ideologico che aveva l’obiettivo di annientare la presenza italiana in Istria e Dalmazia. Una vera e propria pulizia etnica che ancor oggi tende ad essere, per ragioni ipocritamente politiche, sottaciuta o sottovalutata. NOI NON DIMENTICHIAMO. Queste vicende devono riecheggiare nella memoria collettiva, in particolare dei giovani, affinché simili carneficine non si ripetano più. Il negazionismo è un crimine morale contro l’umanità.

52° ANNIVERSARIO TRAGEDIA DEL VAJONT

dopo-la-frana-il-disastro9 ottobre 1963, ore 22.39. Un enorme boato dalla montagna… pochi istanti… 1.917 morti. Sono trascorsi 52 anni da una delle più grandi tragedie italiane del Novecento: la frana del Vajont. Un disastro annunciato. Troppi interessi, troppa omertà. Poi un processo lunghissimo in cui le responsabilità sono emerse solo in parte e chi doveva pagare non ha pagato abbastanza. Una preghiera per i morti, un pensiero per chi quei morti li ha pianti, ed un ringraziamento a tutti coloro che si battono per tenere vivo il ricordo di quell’orrore.

Elisabetta Beggio 
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑