INUTILE E DANNOSA LA DOMENICA ECOLOGICA DI LORENZONI E CO.

Chiudere al traffico non solo il centro storico ma l’intera area compresa all’interno delle tangenziali è un’iniziativa non solo INUTILE al fine di combattere l’inquinamento ma anche DANNOSA per i commercianti e i ristoratori. Una scelta insensata che favorisce soltanto i grandi centri commerciali fuori città, comodamente raggiungibili in auto e dotati di ampio parcheggio. TUTTI vogliamo respirare aria più pulita ma non è questa la strada giusta da percorre. Al contrario, realizzare il tanto agognato parcheggio all’ex caserma Prandina, evitando agli automobilisti di girare mezz’ora alla disperata ricerca di un posteggio libero, ridurrebbe considerevolmente il traffico e dunque l’emissione di sostanze inquinanti. Caro Lorenzoni, metti da parte i tuoi preconcetti ideologici, sii più umile e abbi rispetto per chi si alza ogni mattina e tra mille difficoltà apre la saracinesca del suo negozio, bar, ristorante!

PRANDINA: SÌ AL PARCHEGGIO, BASTA POLEMICHE!

Davvero incredibile la diatriba sulla Prandina. Il vicesindaco Lorenzoni ha sentenziato che lì non ci saranno mai automobili. La precedente amministrazione aveva già avuto il benestare del Demanio e della Soprintendenza per la realizzazione di un parcheggio, e non per un capriccio, ma dopo aver attentamente ascoltato le esigenze dei commercianti della zona. Basta solo una firma. Ma loro, anziché prestare attenzione a chi lì vive e lavora, danno retta alle associazioni ecologiste che, a quanto pare, non conoscono buonsenso. Il parcheggio serve eccome, non solo per favorire il commercio ma anche per tutelare l’ambiente: meno auto che girano incessantemente alla disperata ricerca di parcheggio, meno smog e inquinamento dell’aria. Smettiamola con le prese di posizione ideologicamente sbagliate! #SÌparcheggioallaPrandina

RAGGIUNTO L’ACCORDO PER PIAZZA RABIN

foro boario.jpg

Piazza Rabin, Prato della Valle. Dopo anni di contenziosi finalmente è stata trovata una soluzione definitiva. Approvato ieri mattina in Giunta l’accordo transattivo con i privati, che hanno proposto un contratto di 45 anni e il 13% dei ricavi, tra parcheggi e affitti per le attività commerciali, da versare nelle casse di Palazzo Moroni. A breve l’inizio dei lavori: il frontone dell’ex Foro Boario, dopo anni di abbandono e degrado, diventerà un punto vitale, con un supermercato, un ristorante sulla terrazza, un’enoteca nell’ala sinistra, una libreria e una gioielleria nell’ala destra. Il parcheggio sarà preservato e conterà 490 posti auto, 40 per i pullman e 9 per i camper. L’intesa porterà nelle casse comunali introiti stimati in circa 200mila euro l’anno.

BASTA DEGRADO: LA PRANDINA TORNI AI PADOVANI!

Contrariamente a quanto dichiarato lo scorso 20 luglio dal Prefetto, il numero di immigrati all’ex Caserma Prandina continua a crescere. Oltre 400 persone, ammassate da settimane in un luogo palesemente inadatto. Degrado. Questa l’unica parola per descrivere la situazione. Dopo il mercatino abusivo, ribattezzato “african market” ai giardinetti Savonarola (sembrava di essere in un suk di Marrakesh!), si è diffusa in queste ore la voce di una seconda attività che avviene all’interno della tendopoli: sesso a pagamento. Ad avviare la pratica, sei nigeriane, prontamente spostate in un’altra struttura. Se fosse confermata la veridicità della vicenda, sarebbe increbile! Il mio plauso al Sindaco Massimo Bitonci che invia caparbiamente gli agenti della polizia locale a monitorare la situazione. La sicurezza dei padovani prima di tutto! Auspico che la Prefettura mantenga gli accordi presi, provvedendo al graduale alleggerimento e quindi al definitivo smantellamento del campo “profughi”. Nell’area ex Prandina è previsto tutt’altro progetto: la realizzazione di un ampio parcheggio per risolvere i problemi di traffico e di accesso al centro, andando così incontro alle esigenze di commercianti e residenti. Basta imposizioni dall’alto! 

Elisabetta Beggio 
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

PARCHEGGI: RIVOLUZIONE IN ARRIVO

Parcheggi PadovaRivoluzione digitale. Per sapere dov’è un parcheggio‬ libero a Padova‬ basterà consultare una App‬. E per pagare o prolungare la sosta un semplice ‪‎sms‬. Entro un anno Aps avrebbe intenzione di dotare tutti i posti ‪‎auto‬ a pagamento in gestione alla società di appositi sensori, collegati ai parcometri e alla centrale operativa. I vantaggi: grazie a questo nuovo sistema gli utenti avranno la possibilità di trovare uno stallo di sosta libero con facilità riducendo il ‪‎traffico‬ di ricerca. Il monitoraggio continuo permetterà di studiare le caratteristiche e le abitudini degli utenti per migliorare l’offerta. La verifica in tempo reale delle infrazioni a favore di una diminuzione dell’evasione dei pagamenti aumenterà il tasso di rotazione, quindi la disponibilità dei parcheggi, nonché un incremento delle entrate. Una scelta innovativa già sperimentata con successo a Treviso‬ dal 2010 che proietta la nostra città nel futuro.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑