LA STORIA INSEGNA CHE I TRADITORI NON SONO MAI VINCITORI

14485128_1067780610004866_2408672031724438019_n.jpg

Ci sono momenti, nella vita, in cui si fanno delle scelte. Nel mio caso, nel 2014 ho scelto di candidarmi nella Lista Civica “Bitonci Sindaco”. Una scelta ben ponderata che difendo tuttora con forza ed orgoglio. Ci sono poi persone che rinnegano le proprie scelte e lo fanno a discapito della comunità, in modo irresponsabile e opportunistico. Ecco cos’è accaduto nelle ultime ore a Padova. L’ennesimo tradimento del mandato elettorale, l’ennesimo voltafaccia, l’ennesimo esempio di cattiva politica.

Prendo fermamente le distanze da quelli che fatico persino a definire ex colleghi che, apponendo la firma in quella scellerata mozione di sfiducia, hanno decretato la fine dell’Amministrazione Bitonci. Un’Amministrazione che in questi 2 anni e mezzo ha lavorato bene, con profitto e nel pieno interesse dei cittadini. Tutti! Il cambiamento è decisamente evidente, nonostante le numerose difficoltà che di volta in volta si sono incontrate. Massimo Bitonci non ha diviso la città ma ha ridato speranza ai padovani con fatti concreti e non con i soliti slogan.

Penso ai nuovi criteri di assegnazione delle case popolari, che hanno finalmente reso giustizia alle decine di concittadini da decenni in attesa di un alloggio e puntualmente scavalcati dagli ultimi arrivati. Penso alla patente a punti per i bar e ai tanti eventi che hanno ridato vita alle Piazze. Alla rotonda a fagiolo alla Stanga che ha reso finalmente più fluido il traffico a Padova est. Penso a piazza Rabin, all’accordo per il restauro e il riutilizzo dell’ex Foro Boario, dopo anni di abbandono e degrado, proprio come per l’ex caserma Romagnoli. Penso anche ai lavori di ristrutturazione dei padiglioni della fiera e all’avvio di quelli per il centro congressi. Penso al futuro parco Tito Livio che sorgerà al posto dell’attuale piazzale Boschetti, al restauro e alla rivalorizzazione della cinta muraria, allo sgombero del campo rom di via Bassette, del condominio del degrado di via Confalonieri e della Prandina, futuro parcheggio al servizio del centro. Penso alla lotta serrata contro lo spaccio di droga, l’accattonaggio molesto, il gioco d’azzardo, la prostituzione di strada, l’alcolismo giovanile, i furti di biciclette. Penso anche alla riduzione delle tasse locali, alla possibilità di convertire le multe in lavori socialmente utili e agli importanti risultati ottenuti in termini di presenze turistiche. Tutto questo e molto altro: l’inaugurazione di scuole, palestre, parchi pubblici, ovunque ci sono cantieri e i progetti in itinere sono parecchi.
Amministrare bene una città come Padova non è compito facile e implica determinazione, idee chiare e polso fermo.

Sono onorata di aver contribuito a rendere possibile tutto questo al fianco di un grande Sindaco che non si è mai piegato agli sporchi giochi di una politica corrotta. Siamo una grande squadra composta da persone oneste, provenienti dalla società civile e non dai soliti politici di professione. Non ci arrenderemo! Ci vuole ben altro che una congiura di palazzo per farci desistere. Ci ripresenteremo agli elettori più uniti di prima. Non permetteremo che la sinistra, che ha mal governato la città per decenni, torni a fare danni e a curare i propri interessi di parte.

Concludo, ricordando ai miei ex colleghi che la storia insegna che i traditori non sono mai vincitori.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Ex Consigliera Comunale (Lista Bitonci Sindaco)
Ex Presidente V commissione (Sociale)

Annunci

PADOVA CHE CAMBIA: ECCO IL FUTURO PARCO BOSCHETTI

boschetti 1.jpg

Un grande parco nel cuore di Padova. È il progetto voluto dall’Amministrazione Bitonci per l’area di piazzale Boschetti, dove un tempo sorgeva la stazione delle corriere. L’obiettivo è la riqualificazione di una zona dal valore storico e paesaggistico importante, situata lungo il fiume Piovego, a pochi passi dalle mura cittadine. La prima bozza progettuale, presentata nei giorni scorsi a Palazzo Moroni dall’architetto Lorenzo Attolico, prevede la nascita di un grande parco pubblico dalla vocazione ludica e di intrattenimento per famiglie, turisti e popolazione studentesca. Un nuovo “polmone verde” per il centro storico in stile londinese. Una delle idee più curiose e innovative è quella di realizzare un ponticello galleggiante appoggiato sulle zattere, a filo d’acqua, che colleghi il futuro parco ai Giardini dell’Arena e che possa essere aperto, chiuso e spostato per il passaggio delle barche. A due passi, un’area per concerti, cinema all’aperto e attività teatrale, coperta da un’ampia struttura a “vela”, aperta sui quattro lati, molto leggera, situata tra le due palazzine in stile liberty di via Trieste. Dalla ristrutturazione e valorizzazione architettonica di queste ultime, vincolate dalla Soprintendenza, saranno ricavati spazi per mostre, sale riunioni, bar, ristoranti e aule studio, proprio come da noi suggerito lo scorso anno in seguito ad un sondaggio sulla nostra pagina: https://goo.gl/twgcdM. Un altro intervento dovrebbe riguardare la sistemazione delle rive più scoscese per rendere maggiormente visibile il corso d’acqua e la costruzione di una banchina per rendere più attrattiva la navigabilità su quel tratto del Piovego. Sarà, inoltre, ripulita e ampliata la riva. Nelle intenzioni dell’Amministrazione, contestualmente alla realizzazione del parco, dovrebbe essere attuata anche una rivoluzione della viabilità, con la pedonalizzazione di un tratto di via Trieste, per l’esattezza quello che va da via Valeri all’intersezione con via Gozzi. Questo è il primo step di un programma molto più ampio che in una fase successiva riguarderà anche il Portello, via Morgagni e Piazza Eremitani. 

SONDAGGIO SUL FUTURO PARCO BOSCHETTI: ECCO IL RISULTATO

Risultati sondaggiorid

La scorsa settimana abbiamo lanciato un sondaggio per conoscere l’opinione dei padovani in merito alla nostra proposta di ricavare lo spazio utile per realizzare un’aula studio in uno degli edifici liberty del futuro Parco Boschetti. Il riscontro è stato positivo. L’85% ha espresso parere FAVOREVOLE, ritenendo che la costante presenza degli studenti costituirebbe un ottimo deterrente al degrado e riqualificherebbe ulteriormente la zona. Il 7% si è detto CONTRARIO ritenendo più che sufficienti le aule studio attuali e/o il contesto inadeguato. Infine il 5% ha risposto “NON SO” e il 3%, selezionando la voce “ALTRO”, ha lasciato un proprio commento. C’è chi si è detto favorevole, ma con maggior vigilanza, chi invece ha proposto di abbattere i due edifici (eventualità non possibile in quanto vincolati dalla Soprintendenza) e costruire al loro posto un parcheggio o ampliare il parco. Altri ancora hanno criticato la nostra proposta considerandola inutile o insufficiente a riqualificare l’area, tuttavia occorre sottolineare che la nostra soluzione si inserisce in un progetto più ampio e articolato che comprende la possibilità di realizzare sale riunioni, mostre, ristoranti, bar, ecc…Uno spazio concepito come luogo di incontro, socializzazione e crescita culturale, nonché turistica.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista
Bitonci Sindaco

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑