NO AL BLOCCO (ANCHE) DELLE AUTO DIESEL EURO 4!

Mettere al bando anche i veicoli Diesel Euro 4, ossia mezzi con meno di 10 anni di vita, è una scelta ASSURDA che punisce migliaia di famiglie e lavoratori costretti dall’oggi al domani a cambiare macchina / furgone con incentivi RIDICOLI. L’ennesima conferma che per questa amministrazione i bisogni dei padovani vengono dopo le convinzioni ideologiche e la volontà di fare cassa con le multe. Combattere l’inquinamento è sacrosanto ma non è questo il modo giusto né tantomeno risolutivo.

CARNE CANCEROGENA? FACCIAMO CHIAREZZA.

Sbatti il mostro in prima pagina! È il turno della carne che, a detta dei giornalisti, risulterebbe cancerogena. Ebbene, per fare buona informazione, sarebbe utile sottolineare che lo studio dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) parla di consumi di carni considerevoli: 100 grammi al giorno di carne rossa e 50 grammi di insaccati. Quantità che hanno poco a che vedere con le abitudini alimentari degli italiani. Infatti, la cosiddetta “dieta mediterranea”, raccomandata da nutrizionisti e da oncologi, prevede il consumo di carne 2 / 3 volte alla settimana. Serve inoltre precisare che la cottura è la vera discriminante, poiché sono le eventuali parti bruciacchiate a risultare cancerogene. Insomma, tutto se esagerato fa male, ma ricordiamoci anche che un falso allarme può causare danni enormi ai produttori di carne e disorientare non poco i consumatori. In Italia il comparto della zootecnica da carne, un settore chiave del Made in Italy, vale da solo 32 miliardi di euro, un quinto dell’intero agroalimentare tricolore, e conta 180mila posti di lavoro. Padova è la quarta provincia del Veneto per produzione di carne, con oltre 1.250 stalle che danno lavoro a migliaia di persone. Gli operatori del settore prevedono una flessione a cascata del 30% e questo equivale a posti di lavoro a rischio. Le informazioni vanno valutate con attenzione: la qualità della carne nostrana non è neanche lontanamente paragonabile a quella di altri Paesi ed è al primo posto per sicurezza. Non confondiamo l’hot dog USA con soppresse e salami della nostra tradizione. Faccio quindi un appello alla buona informazione e condanno fortemente il sensazionalismo ad oltranza.

Elisabetta Beggio 
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

SANITÀ, TAGLI PER 10 MILIARDI. VERGOGNA!

Con 163 voti favorevoli, 111 contrari e nessun astenuto, il Senato ha dato il via libera al decreto legge Enti Locali con tagli alla Sanità per 10 miliardi! Una scelta miope, senza l’applicazione dei costi standard, che non fa distinzione tra regioni virtuose e sprecone. Il Governo pare davvero indifferente ai veri bisogni dei cittadini. Con questa operazione indecorosa ha messo a rischio visite, analisi e ricoveri, impoverendo ulteriormente il già tartassato servizio pubblico. A quanto pare i soldi ci sono per tutto (e tutti…clandestini compresi) ma non per garantire il diritto alla salute di chi vive, lavora e paga le tasse in questo Paese. Francamente sono indignata e penso che chi ha votato questa porcheria dovrebbe vergognarsi! Prima di immaginare tagli ai servizi, specie quelli essenziali, una politica seria e consapevole del proprio ruolo, avrebbe dovuto mettere mano agli sprechi, che in certe regioni raggiungono vette inaccettabili. Voi che pensate?

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

EMERGENZA CALDO: IL SINDACO APRE LE PORTE DI PALAZZO MORONI AGLI ANZIANI

Le temperature bollenti degli ultimi giorni mettono a dura prova la resistenza di tutti. A pagare però maggiormente le conseguenze di questa ondata di caldo torrido sono i soggetti più deboli: anziani, bambini e malati. Salgono a dieci le vittime dall’inizio della settimana nel padovano. Nell’arco della notte fino alle prime ore della mattinata circa quindici persone sono arrivate al Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera di Padova con la febbre oltre i quaranta gradi. Quando la temperatura corporea si alza così tanto significa che è in atto un colpo di calore: la patologia più grave correlata al caldo. Se non si interviene in tempo le conseguenze possono essere molto gravi e può sopraggiungere la morte. Confidando in un miglioramento delle condizioni atmosferiche e in attesa dei temporali annunciati per le prossime ore, il sindaco Massimo Bitonci, fino alla fine di luglio e per tutto il mese di agosto, a partire da lunedì 27, ha deciso di aprire le porte di Palazzo Moroni agli anziani che cercano ristoro e refrigerio. A disposizione di tutti ci saranno una televisione, alcuni giochi di società e i principali quotidiani locali. Ricordiamo inoltre che in ciascun quartiere ci sono sale climatizzate aperte a tutti. Per saperne di più clicca qui.

I NOSTRI CONSIGLI PER AFFRONTARE MEGLIO IL CALDO:

  •  Evita di uscire di casa nelle ore più calde, cioè dalle 11.00 alle 18.00.
  • Sia in casa che all’aperto, indossa indumenti leggeri e larghi di cotone o lino. Fuori casa, ripara il capo con un cappello e usa gli occhiali da sole.
  • Rinfresca l’ambiente domestico arieggiando la casa nelle ore meno calde (mattino presto, sera tardi o durante la notte) ed utilizzando ventilatori regolati in modo da far circolare l’aria in tutte la stanza/e.
  • Se entri in un’autovettura che è rimasta a lungo parcheggiata al sole, per prima cosa apri gli sportelli per ventilare l’abitacolo e poi, inizia il viaggio con i finestrini aperti o utilizza il sistema di climatizzazione dell’auto per abbassare la temperatura interna.
  • Non lasciare mai persone o animali, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole.
  • Bevi molta acqua, almeno 1,5 litri al giorno, anche se non senti lo stimolo della sete.
  • Fai pasti leggeri e mangia molta frutta e verdura. Consuma cibi freschi come gelati alla frutta, granite e ghiaccioli. Evita il consumo di alcol.
  • Fai docce e bagni tiepidi, bagnarsi il viso e le braccia con acqua fresca riduce la temperatura del corpo.
  • Se hai un animale domestico (cane o gatto) rinfrescalo bagnandogli zampe e muso.

SONDAGGIO SULLA PROSTITUZIONE: ECCO IL RISULTATO

Risultati sondaggio prostituzione Padova

La scorsa settimana abbiamo lanciato un sondaggio per conoscere l’opinione dei padovani sul tema. Il riscontro è stato positivo. L’81% ritiene che la soluzione migliore sia REGOLAMENTARLA, abrogando la legge Merlin, riaprendo le case chiuse, effettuando controlli igienico-sanitari periodici, facendo pagare le tasse alle prostitute e mantenendo i reati di sfruttamento e induzione alla prostituzione. Il 7% ritiene sia necessario COMBATTERLA, rendendo la prostituzione reato penale e punendo clienti e prostitute in modo severo. Il 3% dei votanti propone di LIMITARLA creando una zona a luci rosse in cui le prostitute possano esercitare la “professione” lontane da occhi indiscreti. Il 2% ha risposto “NULLA” asserendo che va bene così com’è. Infine il 6% ha cliccato sulla voce “NON SO” e il restante 1%, selezionando la casella “ALTRO”, ha lasciato un proprio commento. C’è chi ha criticato il nostro sondaggio perché non ha posto maggiormente l’accento sul lato umano e chi invece ha specificato la necessità di combattere il fenomeno senza però colpire le prostitute che già vivono una situazione di disagio e violenza.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑