VIABILITÀ CORSO MILANO: L’AMMINISTRAZIONE RITROVI IL BUONSENSO

Apprendiamo che la nuova viabilità che ha stravolto corso Milano, scontentando sia i residenti che i commercianti, è costata alla collettività ben 500MILA EURO. Una cifra spropositata soprattutto considerando che doveva trattarsi di una “sperimentazione”. L’ennesimo progetto calato dall’alto senza valutare le conseguenze ossia più traffico, più inquinamento e meno introiti per i negozi. L’amministrazione ritrovi il Buonsenso e studi una soluzione alternativa coinvolgendo i portatori di interesse della zona. Basta scelte ideologiche sulla pelle dei padovani!

[Foto di Luca Giarrizzo, pubblicata sul gruppo “Politica padovana” venerdì 31 maggio]

Annunci

IL MOVIMENTO DEL BUONSENSO C’È!

NO alla nuova viabilità di corso Milano!
NO alle nuove linee del tram!
al parcheggio da 1000 posti auto alla Prandina!

LUCI E OMBRE SUL FUTURO DI CORSO MILANO

Riqualificare corso Milano, trasformandolo in un accogliente boulevard con piste ciclabili protette, alberature e piazzette è sicuramente un’idea affascinante che vale la pena sperimentare. Sottolineiamo SPERIMENTARE. Occorre infatti capire se la riduzione delle carreggiate riuscirà a reggere il grande flusso automobilistico che da sempre caratterizza questa importante arteria stradale. Questo però non è l’unico interrogativo, perché se da un lato il parcheggio alla Prandina compenserà i 27 posti auto che verranno cancellati in corso Milano, dall’altro la pedonalizzazione di piazza Insurrezione, la trasformazione in parco di piazzale Boschetti e l’ulteriore ztl in via Dante, rischierebbe di limitare fortemente l’accesso al centro, danneggiando il commercio di prossimità e favorendo i centri commerciali.

NO ALL’APERTURA DELL’ENNESIMO SUPERMERCATO!

Il Movimento del Buonsenso si schiera al fianco di Eleonora Mosco e dei residenti del quartiere Sacra Famiglia che ieri mattina hanno GIUSTAMENTE protestato contro l’apertura dell’ennesimo supermercato. É tempo di dire BASTA a questa proliferazione incontrollata di strutture commerciali, a maggior ragione se destinate ad incidere negativamente sulla viabilità, aumentando traffico ed inquinamento. 3 supermercati nel raggio di 500 metri sono più che sufficienti, non credete?

DALLA PARTE DEI RESIDENTI DI SAN LAZZARO

Sul Gazzettino di oggi il nostro NO alla chiusura del passaggio a livello tra via Friburgo e via Venezia senza prima aver individuato una valida soluzione alternativa, come ad esempio un sovrappasso ciclo-pedonale accanto al cavalcavia Venezia, per evitare l’isolamento del rione San Lazzaro. La giravolta per il cavalcavia Maroncelli che era stata prospettata dal Comune è assolutamente inadeguata. L’amministrazione faccia chiarezza.

LA NOTIZIA DEL NOSTRO INCONTRO CON GIORDANI

Sul Gazzettino di oggi, la notizia del nostro incontro con il Sindaco per discutere delle tante problematiche che affliggono la città e delle possibili soluzioni per risolverle. Noi abbiamo fatto e stiamo facendo la nostra parte, ora l’amministrazione faccia la sua!

5° TAPPA – ARCELLA

📍✍🏻 Straordinaria partecipazione questa mattina al nostro banchetto in piazzale Azzurri d’Italia. Tantissimi i residenti dell’Arcella ma anche di San Bellino, Pontevigodarzere e Torre che grande senso civico sono venuti a denunciare cosa non va nel loro quartiere. Le principali problematiche emerse riguardano la sicurezza, la scarsa cura del verde pubblico e la viabilità. Non pochi inoltre si sono lamentati del blocco del traffico della scorsa domenica. Insomma, una realtà ben diversa da quella idilliaca che viene raccontata dal sindaco e dalla giunta. Ringraziamo la Consigliera Comunale Eleonora Mosco e la Presidente dell’associazione “Nuova Arcella” Sara Compagnin per aver preso parte a questa iniziativa che ha come unico obiettivo migliorare Padova e la sua vivibilità. #sempretralagente #quartierialcentro

⚠️ ATTENZIONE GIUNGLA URBANA!

Si moltiplicano le proteste per l’erba alta nei parchi e nei cimiteri cittadini. Una situazione vergognosa che nonostante i proclami si trascina dallo scorso anno e sembra non trovare soluzione. Panchine e giostrine per bambini sono di fatto inutilizzabili in molte aree verdi della città, ad esempio al parco Milcovich all’Arcella o al parco delle Farfalle a Mortise o ancora nel piccolo giardino tra via Crescini e via Bonafede in zona Santa Rita che potete vedere nella foto a sinistra. Indecente la situazione anche al cimitero di Torre, dove le tombe sono invase dalle erbacce, a dimostrazione che ormai non c’è più rispetto neanche per i morti! Non si tratta però solo di una questione di decoro urbano o di igiene pubblica ma anche di sicurezza! Pochi giorni fa un’auto ha rischiato di investire una bici in via Maroncelli a causa dell’erba alta che ostruiva la visibilità in una rotonda (foto di destra). Un fatto gravissimo che ci ha testimoniato una nostra iscritta. L’assessore Gallani si renda conto che il numero programmato di sfalci, oltre a procedere a rilento, è palesemente insufficiente e urgono misure straordinarie SUBITO e non a fine stagione.

VIA TOMMASEO TORNA A DOPPIO SENSO

via tommaseo.jpg

Apprendiamo con soddisfazione che il tratto di via Tommaseo davanti alla Fiera torna a doppio senso per tutti i veicoli e senza vincoli di orari. Dopo alcuni mesi di sperimentazione, sono stati valutati vantaggi e svantaggi della nuova viabilità e si è deciso di tornare indietro. La nostra Associazione da subito aveva manifestato delle perplessità riguardo alla deviazione del traffico per via Rismondo e via Goldoni, perplessità che hanno trovato riscontro in questa revisione. Un plauso all’Amministrazione per questa scelta di buonsenso. Talvolta, non avendo la presunzione della verità in tasca, si procede per esperimenti al fine di trovare la soluzione migliore. Fare un passo indietro non è affatto un segno di debolezza, come qualcuno col dente avvelenato vorrebbe far credere, bensì di umiltà e di amore per Padova e i suoi cittadini.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑