⚠️ ATTENZIONE GIUNGLA URBANA!

Si moltiplicano le proteste per l’erba alta nei parchi e nei cimiteri cittadini. Una situazione vergognosa che nonostante i proclami si trascina dallo scorso anno e sembra non trovare soluzione. Panchine e giostrine per bambini sono di fatto inutilizzabili in molte aree verdi della città, ad esempio al parco Milcovich all’Arcella o al parco delle Farfalle a Mortise o ancora nel piccolo giardino tra via Crescini e via Bonafede in zona Santa Rita che potete vedere nella foto a sinistra. Indecente la situazione anche al cimitero di Torre, dove le tombe sono invase dalle erbacce, a dimostrazione che ormai non c’è più rispetto neanche per i morti! Non si tratta però solo di una questione di decoro urbano o di igiene pubblica ma anche di sicurezza! Pochi giorni fa un’auto ha rischiato di investire una bici in via Maroncelli a causa dell’erba alta che ostruiva la visibilità in una rotonda (foto di destra). Un fatto gravissimo che ci ha testimoniato una nostra iscritta. L’assessore Gallani si renda conto che il numero programmato di sfalci, oltre a procedere a rilento, è palesemente insufficiente e urgono misure straordinarie SUBITO e non a fine stagione.

Annunci

VIA TOMMASEO TORNA A DOPPIO SENSO

via tommaseo.jpg

Apprendiamo con soddisfazione che il tratto di via Tommaseo davanti alla Fiera torna a doppio senso per tutti i veicoli e senza vincoli di orari. Dopo alcuni mesi di sperimentazione, sono stati valutati vantaggi e svantaggi della nuova viabilità e si è deciso di tornare indietro. La nostra Associazione da subito aveva manifestato delle perplessità riguardo alla deviazione del traffico per via Rismondo e via Goldoni, perplessità che hanno trovato riscontro in questa revisione. Un plauso all’Amministrazione per questa scelta di buonsenso. Talvolta, non avendo la presunzione della verità in tasca, si procede per esperimenti al fine di trovare la soluzione migliore. Fare un passo indietro non è affatto un segno di debolezza, come qualcuno col dente avvelenato vorrebbe far credere, bensì di umiltà e di amore per Padova e i suoi cittadini.

PADOVA CHE CAMBIA: ECCO IL FUTURO PARCO BOSCHETTI

boschetti 1.jpg

Un grande parco nel cuore di Padova. È il progetto voluto dall’Amministrazione Bitonci per l’area di piazzale Boschetti, dove un tempo sorgeva la stazione delle corriere. L’obiettivo è la riqualificazione di una zona dal valore storico e paesaggistico importante, situata lungo il fiume Piovego, a pochi passi dalle mura cittadine. La prima bozza progettuale, presentata nei giorni scorsi a Palazzo Moroni dall’architetto Lorenzo Attolico, prevede la nascita di un grande parco pubblico dalla vocazione ludica e di intrattenimento per famiglie, turisti e popolazione studentesca. Un nuovo “polmone verde” per il centro storico in stile londinese. Una delle idee più curiose e innovative è quella di realizzare un ponticello galleggiante appoggiato sulle zattere, a filo d’acqua, che colleghi il futuro parco ai Giardini dell’Arena e che possa essere aperto, chiuso e spostato per il passaggio delle barche. A due passi, un’area per concerti, cinema all’aperto e attività teatrale, coperta da un’ampia struttura a “vela”, aperta sui quattro lati, molto leggera, situata tra le due palazzine in stile liberty di via Trieste. Dalla ristrutturazione e valorizzazione architettonica di queste ultime, vincolate dalla Soprintendenza, saranno ricavati spazi per mostre, sale riunioni, bar, ristoranti e aule studio, proprio come da noi suggerito lo scorso anno in seguito ad un sondaggio sulla nostra pagina: https://goo.gl/twgcdM. Un altro intervento dovrebbe riguardare la sistemazione delle rive più scoscese per rendere maggiormente visibile il corso d’acqua e la costruzione di una banchina per rendere più attrattiva la navigabilità su quel tratto del Piovego. Sarà, inoltre, ripulita e ampliata la riva. Nelle intenzioni dell’Amministrazione, contestualmente alla realizzazione del parco, dovrebbe essere attuata anche una rivoluzione della viabilità, con la pedonalizzazione di un tratto di via Trieste, per l’esattezza quello che va da via Valeri all’intersezione con via Gozzi. Questo è il primo step di un programma molto più ampio che in una fase successiva riguarderà anche il Portello, via Morgagni e Piazza Eremitani. 

RIVOLUZIONE VIABILITÀ ALLA STANGA

rotonda-stanga-2Alle 21.00 sono stati definitivamente spenti i semafori che regolavano il passaggio nell’incrocio della ‪‎Stanga, uno dei nodi più trafficati di Padova che conta quotidianamente oltre 60.000 veicoli in transito. A partire dalle 23.00 si procederà al posizionamento dei new jersey, delimitatori provvisori, quindi alla sistemazione della segnaletica sia orizzontale che verticale cosicchè già da domani gli automobilisti provvenienti dalle sei strade che si congiungono nel piazzale potranno percorrere la nuova rotatoria a forma di fagiolo. Un intervento importante per la viabilità cittadina, avviato in tempi record e a costi ridotti, che mi auguro possa rappresentare una svolta decisiva alla traffico delle ore di punta. Voi che ne pensate?

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

ECCO IL PROGETTO CHE RIVOLUZIONERÀ LA VIABILITÀ ALLA STANGA

11129209_1397319953923374_6755709717643568632_nApprovato dalla giunta il progetto esecutivo della nuova rotatoria‬ “a fagiolo” alla Stanga‬. Stanziati 750.000 euro. I cantieri saranno avviati entro l’estate così da ridurre al minimo i disagi e conclusi entro l’anno. Un intervento che secondo i tecnici del Comune migliorerà uno degli snodi più critici della viabilità cittadina. Il mio plauso all’assessore Fabrizio Boron per questa scelta utile e coraggiosa.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco‬

2015, LAVORI IN CORSO: ECCO COME CAMBIERÀ LA CITTÀ

Padova muraSei mesi di buona amministrazione, che fa e progetta. Per il nuovo anno stanziati 54 milioni di euro per rilanciare Padova: 14,2 per le Infrastrutture, 8,7 per le manutenzioni, 23,6 per l’edilizia pubblica, 1 per la Mobilità e 6,6 per il Verde. Si inizia a primavera con l’asfaltatura di Corso Argentina e di tutte le arterie principali (via Chiesanuova, via dei Colli, via Piovese e via Montà) e la pavimentazione di via del Santo. Partendo dal quartiere centro, è prevista la sistemazione dei marciapiedi. Andrà ridisegnata la rotatoria alla Stanga per favorire lo snellimento viabilità. Saranno ristrutturati Ponte Voltabarozzo e 4 Martiri. Completamento dell’Arco di Giano che congiunge Padova est con Padova ovest. Sul fronte “difesa idrica”, verrà realizzato un bacino di laminazione nell’area della nuova bretella per Abano, in zona Mandria, e una grande vasca di raccolta in via Crescini. Si edificheranno le nuove sedi della Protezione Civile e della Polizia Municipale e verrà lanciato un concorso di idee per riqualificare l’area dell’ex macello, ma si assicura che mai si costruirà un centro commerciale. Per quanto riguarda i padiglioni della Fiera sono previsti grandi lavori di ristrutturazione. Si è studiato un importante progetto di ripristino delle cinta murarie che si snoderà nel tempo di 10/15 anni (prevista anche la collaborazione della fondazione Cariparo), ad iniziare dai Bastioni Arena e Porta Portello e proseguendo via via con tutto il sistema bastionato, al fine di creare una straordinaria attrattiva turistica. Confermati i contributi per il Pedrocchi e per palazzo Zuckermann e previsto il restauro della Torre Civica. Mi preme sottolineare che l’80% del ricavato delle azioni Hera (circa 26 milioni di euro) sarà destinato alla manutenzione del verde pubblico, edifici e infrastrutture. Come si può evincere, il Sindaco Bitonci ha progetti ambiziosi per rendere Padova competitiva, moderna e turisticamente appetibile. Agli altri le chiacchiere, a noi i fatti.

Elisabetta Beggio
Presidente Movimento del Buonsenso – Padova
Consigliera Comunale – Lista Bitonci Sindaco

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑